SIRIA, ENTRATA IN VIGORE UNA TREGUA PARZIALE

497
  • English
SIRIA

Una tregua parziale, nota come “regime di calma”, è entrata in vigore all’una di notte locale nella maggior parte del territorio siriano, a eccezione della città di Aleppo che resta divisa. Lo riferisce il sito della Bbc citando un comunicato delle forze armate del regime: la tregua, annunciata dall’esercito di Damasco, è diventata operativa in due aree un’ora dopo la mezzanotte. Un comunicato ufficiale ha indicato che durerà per ventiquattro ore nella capitale e nella regione del Ghouta orientale, alla periferia di Damasco, mentre continuerà per 72 ore nella provincia di Latakia, nel nord del Paese.

Non sono state fornite spiegazioni sul motivo per cui la sospensione dei combattimenti sia soltanto temporanea. Durante il giorno, razzi sparati dai ribelli hanno ucciso quindici persone dopo la preghiera del venerdì nella parte di Aleppo controllata dal regime. La moschea Malla Khan a Bab al Faraj è stata colpita e ci sono state nuove vittime. Alcuni dei feriti sono in gravi condizioni e sono destinati a morire; nell’est controllato dai ribelli, i raid aerei del governo hanno provocato almeno undici morti e distrutto una struttura medica; è la seconda che viene colpita in una settimana. Il cessate il fuoco, raggiunto grazie alle pressioni di russi e americani, non riguarda la città di Aleppo.

“La nuova ondata di violenza e gli atti che attentano alla cessazione delle ostilità, in particolare le più recenti offensive del regime siriano vicino Aleppo e a est di Damasco, mettono i colloqui di pace a rischio” ha affermato l’Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione europea Federica Mogherini, parlando dopo i bombardamenti degli ultimi due giorni in diverse zone della Siria, e in particolare ad Aleppo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS