CROTONE BEN “A”RRIVATO: UN PAREGGIO CHE VALE UNA PROMOZIONE STORICA Palladino: "Mi sono preso tante rivincite, sono tornato in A e ora voglio giocarci"

546
crotone

A Modena il Crotone fa la storia. Per la squadra di Juric l’ 1-1 finale è un risultato che vale la promozione in Serie A con ben tre giornate di anticipo. Al Crotone mancava solo un punto per conquistare la storica promozione, e lo ha ottenuto a pieno merito, anche se nel finale ha sofferto i tentativi dei padroni di casa di provare a vincere il match. Sono quasi 1500 i tifosi calabresi che hanno accompagnato la propria squadra al Braglia, in una serata difficile soprattutto per la formazione di casa, in piena lotta per non retrocedere.

Gli ospiti scendono in campo con il collaudato 3-4-3, con Barberis al posto dell’infortunato Paro. Ipadroni di casa invece schierano Luppi con Granoche in attacco, assieme a Bentivoglio preferito a Belingheri. Gli emiliani partono alla grande, e al 18′ trovano il vantaggio con Luppi: Giorico vince un contrasto sulle tre quarti, passa a Granoche (forse in fuorigioco) che serve Luppi, il quale, da posizione ravvicinata, tira in porta. Il Crotone, che nelle ultime quattro trasferte aveva conquistato 4 punti, rimane sereno. Alla mezzora ci prova Granoche ma fallisce. Poco prima dell’intervallo, ecco il pareggio che vale la Serie A al Crotone: perde palla Nardini, ripartenza sulla corsia centrale dei calabresi, la difesa del Modena è impreparata, ma molto lontano Pinzani vede un fallo di Osuji su Ricci in area.

Giallo per il modenese e rigore. Sul dischetto va Palladino, che realizza, a meno di un minuto dalla fine del primo tempo, la rete del pareggio. Nella ripresa l’andamento della gara non cambia. La squadra di Bergodi non rinuncia a giocare, il Crotone più attendista cerca di tenere sotto controllo la situazione, potendo contare su una condizione fisica eccellente. I padroni di casa creano più occasioni, come quella al 34′ della ripresa dove Nardini si presenta solo davanti alla porta di Cordaz, ma non riesce ad angolare la palla e tira sul braccio sinistro del portiere, che salva la festa. Dopo pochi minuti ecco altra occasione per gli emiliani con Luppi che ci prova di testa, ma nei secondi conclusivi Budimir grazia la squadra di Bergodi calciando nella curva dove già festeggiano i tifosi del Crotone.

“È un’emozione unica, è stata una cavalcata meravigliosa, oltre ogni aspettativa – ha commentato Raffaele Palladino ai microfoni di Sky Sport – abbiamo sudato tantissimo per arrivare a questo risultato. La realtà di Crotone è piccolina ma oggi abbiamo dimostrato che anche le squadre più piccole, con il sudore la voglia e la determinazione, possono coronare un sogno che nessuno si aspettava. Mi sono tolto delle belle soddisfazioni quest’anno anche contro qualche scettico, però sono contento perché mi sono rilanciato. Sono venuto qui a Crotone per tornare in Serie A e adesso voglio giocarci”.

“Vedevo tanta gente con le lacrime agli occhi – ha commentato Juric – sicuramente è la più grande emozione della mia vita sportiva. Non voglio parlare del mio futuro in questo momento, voglio solo condividere questa gioia con la mia società”. Il d.s. Ursino: “Sarebbe un grande acquisto per Ivan rimanesse”. E sui social già impazza la festa. Anche Alessandro Florenzi, terzino della Roma che al Crotone ha giocato nella stagione 2011-2012, da il benvenuto ai neo promossi con un tweet:

florenzi twitter

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS