PROSEGUE L’ONDATA DI CALDO IN INDIA: OLTRE 320 I MORTI Lo scorso anno, in questo stesso periodo, un'ondata di caldo killer aveva imperversato sul Paese per circa un mese causando oltre 2000 vittime

739
caldo

E’ salito ad oltre 320 il bilancio delle vittime causate dall’anomala ondata di caldo che non accenna a diminuire in India. Solo nella giornata di venerdì in due Stati, quello dell’Orissa e Telangana, si sono registrati 16 decessi dovuti alle alte temperature. Il caldo killer ha anche colpito, negli ultimi giorni, gli stati del centro nord del Paese, West Bengala, Bihar, ma anche a sud, a Kerala.

Le alte temperature, non eccezionali per questa stagione pre-monsonica, sono state micidiali nelle ultime settimane, in particolare in Telangana (137 morti) e Orissa (119) dove sono in atto misure di emergenza. La calura, unita a forti venti secchi, ha anche aumentato il rischio di incendi. Le autorità dello Stato del Bihar, ad esempio, hanno proibito di cucinare nelle ore più calde, dalle 9 del mattino alle 18. Questo per evitare che le fiamme dei fornelli (spesso improvvisati) si propaghino al resto della casa. Oltre 70 persone sono morte di recente in questo Stato nel rogo delle proprie abitazioni.

Lo scorso anno, in questo stesso periodo, un’ondata di caldo killer aveva imperversato sul Paese per circa un mese, causando la morte di oltre 2000 persone. Gli Stati più colpiti furono quelli dell’Andhra Pradesh, Telangana e Orissa, dove la colonnina di mercurio era salita fino a 46-47 gradi centigradi.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS