SCUOLA, SCIOPERO GENERALE PROCLAMATO PER IL 23 MAGGIO Lo hanno annunciato nel corso della manifestazione a Montecitorio quattro sigle sindacali: Cgil, Cisl, Uil e Snals

813
scuola sciopero

I sindacati della scuola hanno proclamato uno sciopero generale per il 23 maggio. Lo hanno annunciato nel corso della manifestazione a Montecitorio quattro sigle: Cgil, Cisl, Uil e Snals. I rappresentanti dei lavoratori sono scesi in piazza, insieme a docenti, Ata e dirigenti provenienti da tutta Italia, per “raccontare la loro idea di scuola: una #scuolavera, fatta di partecipazione, collegialità, autonomia e contrattazione, una scuola che valorizza tutte le professionalità e ascolta i bisogni di tutto il personale che vi lavora ogni giorno”.

Nel corso del presidio in piazza Montecitorio sono intervenuti i segretari generali delle quattro organizzazioni sindacali promotrici e alcuni rappresentanti eletti nelle Rsu e delegati di istituto, la “voce della scuola vera”. “E’ il nostro lavoro che fa la scuola”, recita la petizione con la quale i sindacati uniti hanno lanciato una nuova fase di mobilitazione; una petizione che nelle scorse settimane è stata sottoscritta in tutte le scuole da tantissime lavoratrici e tantissimi lavoratori.

Contratto, stabilità del lavoro, qualità dell’apprendimento, partecipazione democratica: “questi, e molti altri, i punti essenziali contenuti nella petizione con la quale i sindacati pongono al centro dell’attenzione il personale della scuola nella sua unitarietà e complessità, proponendolo come il vero protagonista attivo ed essenziale di processi di innovazione, chiedendo un riconoscimento adeguato dell’impegno e della professionalità spesi ogni giorno per assicurare a studenti e famiglie la migliore qualità dell’azione educativa”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS