SIRIA: OSPEDALE COLPITO DAI RAID GOVERNATIVI, ALMENO 30 LE VITTIME La struttura, situata da Aleppo, era supportata da Medici Senza Frontiere. Coinvolti anche gli edifici circostanti

415
aleppo_raid_afp

Almeno 30 persone sarebbero morte a seguito di un raid aereo eseguito dai jet del regime siriano su un ospedale supportato da Medici senza frontiere (Msf) e alcuni edifici circostanti ad Aleppo, nel nord della Siria. E’ quanto sostiene l’attivista locale Abdel-Rahman, membro dell’ong White Helmet Civil Defence. “Abbiamo 30 corpi – ha detto all’agenzia Dpa – 22 sono stati identificati e di otto non conosciamo ancora i nomi”.

“Tra le vittime – prosegue Msf – si contano tre medici, tra cui uno degli ultimi pediatri rimasti ad Aleppo”. “Msf – si legge in un tweet – condanna la distruzione dell’ospedale di al-Quds, ben noto a livello locale, che priverà molte persone di cure mediche fondamentali”.

Lo scorso febbraio quattro missili avevano colpito una clinica di Msf a Maarrat al Numan, nella di Idlib, in Siria, a 280 chilometri a nord di Damasco, causando la morte di 5 pazienti, un membro del personale e una guardia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS