EGITTO: PROLUNGATO DI 15 GIORNI IL FERMO PER IL CONSULENTE DEI REGENI Fonti giudiziarie escludono che il provvedimento sia stato adottato in relazione al caso dello studente italiano ucciso

442
Ahmed Abdallah

La procura della repubblica di Cairo est ha prolungato di altri 15 giorni il fermo dell’ingegner Ahmed Abdallah,  amministratore della Commissione egiziana per i diritti e le libertà (Ecfr) e consulente della Famiglia Regeni. Lo riferiscono fonti giudiziarie. Due giorni fa la procura aveva disposto un fermo iniziale per quattro giorni.

Le fonti giudiziarie ribadiscono che il fermo di Ahmed Abdallah rientra nell’ambito dell’inchiesta su accuse per incitamento alla manifestazione contro l’accordo di limitazione delle frontiere tra Egitto e Arabia Saudita (che prevede la cessione a quest’ultima di due isole del Mar Rosso, Tiran e Sanafir). Il provvedimento dunque “non ha nulla a che fare con la famiglia dello studente italiano”.

Doaa Mostafa, un avvocato della stessa Commissione di Abdallah ha aggiunto che la procura ha deciso la custodia cautelare per dieci imputazioni tra le quali l’uso della forza allo scopo di rovesciare il regime, pubblicazione di notizie tali da turbare l’ordine pubblico e violazione del pubblico interesse.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS