EGITTO: ARRESTATO IL CONSULENTE DELLA FAMIGLIA REGENI

502
regeni familiari

La famiglia Regeni ha espresso “particolare angoscia” per la notizia dell’arresto di Ahmed Abdallah, presidente del consiglio d’amministrazione della Commissione egiziana per i diritti e le libertà (Ecrf), “ong che sta offrendo attività di consulenza per i legali della famiglia Regeni”.

I Regeni “alla luce anche del comunicato di Amnesty International” esprimono “preoccupazione per la recente ondata di arresti in Egitto ai danni di attivisti per i diritti umani, avvocati e giornalisti anche direttamente coinvolti nella ricerca della verità circa il sequestro, le torture e l’uccisione del figlio Giulio”.

“Siamo di fronte a un salto di qualità nelle azioni repressive dell’Egitto, l’azione politica italiana deve essere commisurata a questa escalation egiziana” ha affermato il portavoce di Amnesty Italia, Riccardo Noury, commentando l’arresto di Ahmed Abdallah.

“Dal 21 aprile a ieri c’è stata un’ondata di arresti, sia di massa sia selettivi – ha spiegato Noury – Di massa perché secondo i nostri numeri sono state arrestate 238 persone, selettivi perché hanno arrestato anche giornalisti stranieri che si sono occupati del caso Regeni, e tra gli arresti più gravi c’è quello di Abdallah, che con i suoi esperti ha fornito e sta fornendo supporto legale alla famiglia di Giulio. L’azione politica delle istituzioni italiane deve essere commisurata all’escalation delle azioni egiziane; e quanto alla collaborazione giudiziaria, mi sembra che siamo fermi”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY