AD HANNOVER IL VERTICE G5 TRA OBAMA E I LEADER EUROPEI Si è concuso il vertice G5 tenutosi nel castello di Herrenhausen ad Hannover

811
hannover

“In Germania più che in qualsiasi altro posto nel mondo avete imparato che quello di cui c’è bisogno nel mondo non sono muri”. Lo ha detto Barack Obama in occasione del vertice G5 tenutosi nel castello di Herrenhausen di Hannover a proposito dei profughi. Il presidente ha anche citato Bergoglio: “Papa Francesco ha detto che i profughi non sono numeri, ma sono persone, che hanno volti e storie”.

Il vertice, durato circa due ore, ha visto confrontarsi il presidente degli Usa Barack Obama, la cancelliera tedesca Angela Merkel, il premier italiano Matteo Renzi, il presidente francese Francois Hollande e il premier britannico David Cameron.

“Tutti dobbiamo fare di tutto perché il governo al Sarraj abbia successo” e al G5 si è registrato “un sostegno unanime”, ha detto Matteo Renzi durante il summit parlando della crisi libica.

“Io dico al popolo in Europa, non dimenticate da dove venite: siete tutti un’eredità della lotta per la libertà – ha continuato il presidente Obama -. I tedeschi, i francesi, gli olandesi, i belgi, i lussemburghesi, gli italiani, e sì anche anche i britannici, che hanno portato l’Europa sulla strada dell’unità, superando le vecchie divisioni”. Il presidente statunitense ha anche ricordato “i polacchi di Solidarnosc, i cechi e gli slovacchi che hanno fatto la rivoluzione pacifica, gli ungheresi, gli austriaci, i berlinesi”, e “i parigini che dopo gli attentati hanno riaperto il Bataclan”. “Questo siete voi europei, uniti nella plualità”, ha concluso Obama.

Nel suo secondo giorno di visita in Germania, il presidente Obama ha visitato la Fiera dell’Industria di Hannover, inaugurata proprio ieri, accompagnato dalla cancelliera Angela Merkel. Al seguito del gruppo che anche il presidente della Confindustria tedesca BDI Ulrich Grillo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS