ARRIVANO LE BUSTE ARANCIONI, CI DIRANNO QUANDO ANDREMO IN PENSIONE Centocinquantamila italiani riceveranno la comunicazione dell'Inps e scopriranno quale vecchiaia passeranno

1159
buste arancioni

Da oggi 150mila italiani scopriranno tra quanti anni potranno andare in pensione e quanto percepiranno. Arrivano infatti le ormai note “buste arancioni” dell’Inps. Magari non tutti saranno felici di scoprire che, ad esempio, la loro terza età non sarà rosa e fiori. Ma l’Inps punta proprio a rendere tutti “edotti” della propria situazione finanziaria futura. Quindi magari qualcuno potrebbe decidere di “integrare” con una pensione privata. Il tutto al netto delle possibili novità, ora al vaglio del governo per allentare le regole per l’uscita (la cosiddetta flessibilità in questi giorni al centro del dibattito).

Un dibattito che vede i sindacati compatti nella richiesta di una riforma vera mentre il presidente della commissione lavoro di Montecitorio, Cesare Damiano invita a smetterla di fare “terrorismo previdenziale: moltiplicare messaggi allarmanti senza indicare le soluzioni crea confusione e ansia tra pensionati, lavoratori e giovani”. Intanto l’annuncio delle prime spedizioni è stato confermato nei giorni scorsi proprio dall’istituto guidato da Tito Boeri in un tweet in cui appunto si annunciava l’avvio delle spedizione delle prime 150mila lettere con la simulazione standard dell’assegno futuro e della data di uscita.

Le buste, spiegavano dall’Istituto, saranno inviate su tutto il territorio nazionale, senza Regioni o Comuni pilota, per rendere il più capillare possibile la loro diffusione. Sempre dall’Inps spiegavano che per la consegna della gran parte di questo primo ‘pacchetto’ bisognerà aspettare appunto i giorni successivi al weekend del 25 aprile. L’invio delle buste sarà casuale relativamente all’età e alla professione dei destinatari. Ovviamente, le spedizioni sono dirette solo a quanti non sono digitalizzati, cioè muniti del pin dell’Inps o dello Spid, la password unica che permette l’accesso online ai diversi servizi della pubblica amministrazione. Infatti già da tempo l’Inps ha attivato sul web la funzione che consente la simulazione dell’assegno futuro.

Tornando alla versione cartacea, alla busta arancione, all’interno chi la riceverà troverà una lettera di tre pagine, con la storia contributiva (e il consiglio a controllare l’estratto conto), la previsione della data di uscita, l’importo dell’assegno e del rapporto tra busta paga e quanto si avrà in tasca una volta a riposo. L’obiettivo dichiarato e’ rendere consapevoli e quindi vigili i cittadini. Quella dell’Inps è una proiezione standard, basata su delle costanti (crescita di Pil e stipendio dell’1,5%, nessuna interruzione lavorativa). Ma i più pignoli, soprattutto quelli in grado di utilizzare consapevolmente un pc, potranno avere informazioni aggiuntive: per poter fare tutte le simulazioni possibili, cambiando i parametri, il cittadino viene invitato a prendere Spid, il sistema pubblico d’identità digitale. Non a caso l’operazione è stata realizzata anche attraverso il sostegno finanziario dell’Agid, l’Agenzia per l’Italia digitale.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS