TERRORISMO, ARRESTATO UN PAKISTANO CON PASSAPORTO FALSO i Carabinieri del Nucleo Informativo hanno fermato altre tre persone, poi rilasciate

492
terrorismo

Nel corso di controlli antiterrorismo, i Carabinieri del Nucleo Informativo del Comando Provinciale di Roma hanno arrestato un cittadino britannico di origini pakistane che aveva documenti falsi. Il 34enne S. H. è risultato essere nato nel Regno Unito ma di avere origini pakistane. È stato fermato dai militari dell’Arma per avere mostrato un passaporto britannico intestato ad un’altra persona. L’arresto è stato convalidato nel corso del rito direttissimo e l’uomo si trova ora nel Regina Coeli. Nel corso dell’udienza, l’uomo non è stato in grado di fornire al giudice la spiegazione dei motivi del proprio soggiorno in Italia, risultando peraltro ricercato nel Regno Unito per delitti contro la persona; quanto al possesso di una notevole somma di denaro, ha riferito al magistrato, che doveva comprare vestiti per la propria famiglia, che ha dichiarato essere residente in Belgio e che avrebbe visitato prima di venire in Italia.

Con il britannico sono stati fermati altri tre uomini – due uomini provenienti dal Nord Europa di origini pakistane e uno proveniente dal Kurdistan turco – che però sono stati identificati e dopo un’accurata valutazione transnazionale rilasciati. Nella fase di identificazione dei quattro sospetti, i carabinieri si sono avvalsi degli strumenti del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia (Scip) e dei canali Interpol. Proseguono le indagini dei militari del Nucleo Informativo del Comando provinciale di Roma. L’operazione, si legge nel comunicato dell’Arma, si inquadra nella stretta rete dei controlli antiterrorismo nel contesto dei servizi predisposti dall’apposito Piano, mirati in particolare al monitoraggio di soggetti stranieri sospettati di condurre attività criminose, finalizzate al reale finanziamento di azioni terroristiche.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS