SHAKESPEARE, OGGI I 400 ANNI DALLA MORTE (E I 452 DALLA NASCITA) Gli attori più famosi del Paese al Royal Shakespeare Theatre recitano le scene più popolari delle sue opere

485
shakespeare

Oggi, quattro secoli fa, moriva, il 23 aprile del 1616, William Shakespeare il più noto drammaturgo londinese del mondo. Un anniversario “doppio”: la data del decesso dell’autore di Romeo e Giulietta, Amleto, Re Lear – per citare solo alcune delle opere che hanno fatto la storia del teatro moderno – è anche la sua data di nascita: il “bardo di Avon” venne alla luce il 23 aprile del 1564. Numerose le celebrazioni, nel Regno Unito e altrove, per ricordare colui che è emblema della letteratura inglese.

La metropolitana di Londra ha rinominato tutte le fermate dedicandole ai più celebri personaggi cantati dal bardo. La società dei trasporti della capitale ha anche pubblicato una piantina della Tube per orientarsi nell’intricato mondo (sotterraneo) di Shakespeare. Ogni linea della metropolitana è stata dedicata a un tema della poetica shakespeariana ed ogni stazione è stata ribattezzata di conseguenza. Così la Northern Line diventerà la linea dei “Villains”, gli antagonisti, mentre la Bakerloo sarà la linea delle Eroine. Sulla Jubilee, che per l’occasione si chiama “Padri e Re” due fermate – vicine l’una all’altra – saranno dedicate a Montecchi e Capuleti. “Questo stupendo ricordo rivela che l’opera di Shakespeare, i suoi personaggi e temi, si intrecciano tra di loro in modi affascinanti”, ha detto all’Agence France Press Farah Karim-Cooper, dello Shakespeare’s Globe.

Il clou delle celebrazioni del bardo si svolgono oggi nel suo luogo natio, Stratford-upon-Avon, pronta a festeggiare in grande stile il suo più illustre rappresentante. Almeno cinque milioni di persone visitano tutti gli anni l’affascinante città di 27.000 anime, nel cuore della campagna inglese, sulle sponde del fiume Avon. Gli attori più famosi del Paese (tra cui Judi Dench, Helen Mirren, Ian McKellen, Benedict Cumberbatch e Joseph Fiennes) saranno oggi al Royal Shakespeare Theatre per recitare le scene più popolari tratte dalle opere del drammaturgo, sotto gli occhi del principe Carlo, l’erede al trono britannico. Sono anche in programma una marcia fino alla sua tomba e dei fuochi d’artificio in questa giornata che sarà inoltre allietata da spettacoli da strada, danze e concerti perché oggi è San Giorgio, festa nazionale in Inghilterra.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS