IL METEO NON SPAVENTA GLI ITALIANI: IN 7 MILIONI PARTIRANNO PER IL PONTE Positive le previsioni di Federalberghi: il 90% resterà nel Bel Paese. Giro d'affari da 2,3 miliardi di euro

651
viaggio auto

Nonostante le preoccupanti previsioni meteo il ponte del 25 aprile sarà l’occasione per fare un piccolo viaggio. Almeno per i 7,4 milioni di italiani che secondo le previsioni di Federalberghi si preparano a partire. Il dato non è confrontabile con l’anno scorso quando la festività capitò di sabato e nemmeno con il 2014, anno in cui si trovò a ridosso della Pasqua.

La permanenza media di chi farà vacanza si attesterà sulle 3,3 notti con una spesa media pari a 313 euro (268 per chi rimarrà in Italia e 680 per chi andrà all’estero), che genererà un giro d’affari di circa 2,3 miliardi. L’89,4% (e cioè circa 6,6 milioni di italiani) rimarrà in Italia, mentre il 10,1% (743 mila) si recherà all’estero. Le mete preferite per chi rimarrà nel Bel Paese saranno il mare (43,6%), le località d’arte maggiori e minori (21,9%) e la montagna (18%). Seguono le località lacuali (4,1%), quelle termali e del benessere (3,1%) e la crocieristica (1,1%).

Per chi andrà all’estero le grandi capitali europee assorbiranno il 58% della domanda, seguite dalle località marine per il 22%. La struttura ricettiva preferita sarà per il 28,6% la casa di parenti o amici seguita a ruota dall’albergo (26,4%), dalla casa di proprietà (11%), dai B&B (10%), dagli agriturismo (6,6%) e dai residence (4,2%). “Si tratta di un risultato incoraggiante – commenta il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca – che consolida i segnali di ripartenza del settore, per il quale continuiamo a chiedere all’Esecutivo maggior attenzione normativa e più fondi per una promozione indispensabile a riconquistare fette di mercato e posizioni nel ranking mondiale dei Paesi più gettonati”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS