INDIA, UN “OSPEDALE DELLA MISERICORDIA” PER I POVERI Monsignor Theodore Mascarenhas, vescovo ausiliare di Ranchi ha annunciato che sorgerà a Mandar

679
ospedale

Si chiamerà Constant Lievens Hospital and Medical College, l’ospedale per i poveri, con 400 posti letto, che nascerà in India a Mandar, nell’Arcidiocesi di Ranchi, nello Stato del Jharkhand, per raccogliere l’invito di Papa Francesco a tutte le Diocesi del mondo a costruire un “monumento di misericordia” nell’Anno del Giubileo.

Lo ha annunciato il Vescovo ausiliare dell’Arcidiocesi indiana, monsignor Theodore Mascarenhas, che ha lanciato un appello per la raccolta fondi attraverso l’agenzia di informazione italiana sul mondo AsiaNews: “Stiamo lottando per avere i finanziamenti necessari. Per favore, aiutateci a promuovere e pubblicizzare il nostro impegno in favore dei poveri in India. Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti”.

Lo Jharkahand è tra gli Stati più indigenti nel Continente, abitato in maggioranza da popolazioni tribali analfabete, tra le quali si registra un tasso di mortalità natale e infantile tra i più elevati al mondo. Secondo i dati della Cbci Society for Medical Education North India, una organizzazione non-governativa della Chiesa cattolica indiana, quasi il 44 percento della popolazione che vi risiede vive al di sotto della soglia di povertà, circa il 12,5 percento soffre la fame.

Per quanto riguarda l’accesso alle cure mediche, quasi l’80 percento delle nascite avvengono in casa, in condizioni igieniche e sanitarie precarie, e il tasso di mortalità durante il parto è elevato sia per i bambini che per le madri.

La nuova struttura sanitaria fornirà prestazioni di eccellenza, con personale medico altamente qualificato e attento ai bisogni e al benessere degli emarginati.

L’ospedale è promosso in collaborazione con la Cbci Society for Medical Education North India. E sorgerà al posto di una struttura ormai dimessa, costruita nel 1947 dalla Medical Mission Sisters Congregation e donata alla diocesi. Al momento dispone di circa 100 posti letto e necessita di una profonda ristrutturazione. Il vecchio edificio affiancato da un complesso di nuova costruzione, nel quale risiederà l’ospedale vero e proprio, le cucine, un dipartimento di ricerca medica e uno di Patologia con indagini di biologia molecolare, la farmacia, un laboratorio per le trasfusioni di sangue e un dormitorio per il personale. È previsto anche un College medico universitario e una scuola per infermieri. Opereranno oltre 250 figure professionali, tra medici, infermieri e paramedici. Sarà costruito anche un “reparto della misericordia”, con cure mediche del tutto gratuiteLa finalità di quest’opera “di misericordia” – afferma monsignor Mascarenhas – è “curare e confortare coloro che soffrono con compassione e rispetto, come Gesù ci ha insegnato, con uno sguardo particolare ai diritti e alla dignità dei tribali e degli emarginati”.

Il costo del progetto è di 3,5 miliardi di rupie (circa 46,5 milioni di euro).

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS