MALTEMPO IN INDIA, 15 PERSONE SCHIACCIATE DA UNA FRANA La protezione civile e l'esercito stanno cercando di raggiungere un numero imprecisato di persone intrappolate

508
frana

I cadaveri di almeno 15 persone sono stati recuperati nello Stato di Arunachal Pradesh (India nord-orientale, al confine con la Cina) dopo che una frana si è abbattuta nell’area di Tawang Town su un gruppo di operai. Lo riferisce la Tv Times Now. L’enorme frana è stata probabilmente causata dalle piogge intense che stanno flagellando la regione di West Kameng e che hanno costretto molte persone ad abbandonare le proprie case. Secondo l’Arunachal Times, inoltre, le autorità locali stanno tentando di rafforzare gli argini del fiume Noa Dihing che è già straripato in più punti. A Tawang Town sono giunti i soccorsi della Protezione civile e dell’esercito che stanno cercando di raggiungere un numero imprecisato di persone intrappolate sotto il fango riversato dalla frana.

A causa del dissesto idrogeologico, le frane sono eventi frequenti in India. Il 18 agosto scorso una di esse aveva colpito un edificio residenziale a Manikaran, celebre meta di pellegrinaggio hindu e sikh tra i fiumi Beas e Parvati nello stato indiano di Himachal Pradesh, uccidendo almeno 10 persone. Quindici giorni prima un’altra frana, caduta nello stato del Manipur, nel nord est dell’India, aveva ucciso 20 persone: a causa dalle intense piogge, un vasto smottamento aveva colpito un villaggio nel distretto di Chandel seppellendo decine di case. Inoltre, vaste aree del Manipur, del Bengala Occidentale e dell’Orissa (Stati indiani) erano stati allagati a causa del passaggio del ciclone tropicale Komen.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS