A RIMINI LA 39ESIMA CONVOCAZIONE DEL RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Un’attenzione speciale verrà riservata, anche in questa edizione, alle Chiese perseguitate, con la presenza di testimoni provenienti dal Medio Oriente (Libano e Arabia saudita)

1460
rinnovamento nello spirito santo

“Io sono la Porta. Se uno entra attraverso di me sarà salvo” è il tema della 39ª Convocazione nazionale dei gruppi e delle comunità del Rinnovamento nello Spirito Santo (Rns) che si apre oggi alla Fiera di Rimini (fino al 25 aprile). Momenti di preghiera comunitaria, celebrazioni eucaristiche, liturgie penitenziali, confessioni sacramentali, preghiere comunitarie carismatiche dedicate a giovani, famiglie e persone malate e provate.

Un’attenzione speciale verrà riservata, anche in questa edizione, alle Chiese perseguitate, con la presenza di testimoni provenienti dal Medio Oriente (Libano e Arabia saudita), dopo il recente viaggio del presidente Salvatore Martinez in quei Paesi (11-19 aprile). In programma inoltre meeting dedicati ai più piccoli e workshop tematici sul tema della misericordia.

Tra gli ospiti i cardinali George Pell, prefetto della Segreteria per l’economia della Santa Sede; Marc Ouellet, prefetto della Congregazione per i vescovi; Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli; i vescovi Francesco Lambiasi (Rimini) e Matteo Maria Zuppi (Bologna); padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa pontificia; Carl Medearis, esperto internazionale nei rapporti tra musulmani e cristiani, Samir Kreidie, imprenditore libanese nonché presidente di fondazioni no-profit che operano in favore della carità e dei poveri; Mounzer R. Fatfat, diplomatico libanese e fondatore di organizzazioni rivolte all’educazione dei giovani in Libano. “In comunione con Papa Francesco, siamo sempre più persuasi che la corrente di grazia del Rns deve essere un segno vivente e potente di ‘giubilo’ e di ‘misericordia’ nelle mani dello Spirito Santo”, ha dichiarato Martinez.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS