A 150 ANNI LUCE DALLA TERRA UN MISTERIOSO PIANETA VAGABONDO A scovarlo nel 2010 è stato il telescopio Wise (Wide Field Infrared Survey Explorer) della Nasa

465
pianeta vagabondo

Non appartiene a nessun sistema solare e vagabonda per lo spazio a 150 anni luce dalla Terra. Si tratta di un “giovane” – ha appena 10 milioni di anni, contro i 4,5 miliardi del nostro mondo – pianeta solitario, ribattezzato Wisea 114, si trova tra le stelle del gruppo TW Hydrae, nella costellazione dell’Idra, e potrebbe avere una massa dieci volte superiore a quella di Giove.

A scovarlo nel 2010 è stato il telescopio Wise (Wide Field Infrared Survey Explorer) della Nasa. In un primo momento i ricercatori avevano pensato si trattasse di una vecchia stella per via della grande quantità di energia emessa nell’infrarosso. Ma la luce emessa da una stella lontana spesso si confonde con quella di un pianeta solitario vicino, per questo i ricercatori hanno utilizzato uno dei più potenti telescopi terrestri, il Gemini South Telescope (Cile) per studiarlo in dettaglio.

Questa scoperta fornisce ai ricercatori un ottimo terreno di studio per scoprire le origini di questi pianeti solitari. Infatti non è chiaro per esempio se i pianeti vagabondi siano stati espulsi dai loro sistemi solari o siano in realtà stelle mai nate, chiamate nane brune, perché troppo piccole per innescare la fusione nucleare in grado di farle brillare.

Una delle ipotesi più accreditate al momento è che Wisea 1147 sia una nana bruna, ossia una stella simile a quelle che sono vicine al pianeta ma che non è riuscita ad “accendersi”. Lo studio di questi mondi solitari è un campo caldo dell’astronomia e gli astronomi sono interessati a questi corpi celesti perché sono più facili da osservare rispetto ai pianeti che ruotano intorno alle stelle, che sono “oscurati” dalla luce dei loro astri. Il loro studio, sottolineano gli autori, potrà aiutare a comprendere meglio anche i pianeti esterni al sistema solare.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS