GIORNATA DELLA TERRA 2016: IL MONDO SI MOBILITA PER UN PIANETA PIÙ SOSTENIBILE

722
giornata della terra

Il 22 aprile del 1970 ben 20 milioni di cittadini americani risposero a un appello del senatore democratico Gaylord Nelson e si mobilitarono in una storica manifestazione a difesa del nostro pianeta:migliaia di college e università organizzarono proteste contro il degrado ambientale e centinaia di cittadini si unirono a questi eventi. Da allora, ogni 22 aprile, si celebra l'”Earth Day”, la più grande manifestazione ambientale del pianeta, un evento che unisce idealmente tutti i cittadini del mondo per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia. Nata come semplice movimento universitario, nel tempo, la Giornata  ha acquistato un significato sempre più importante fino a diventare un evento celebrato in ben 193 nazioni e che coinvolge un miliardo di cittadini attraverso 22 mila organizzazioni.

La Giornata della Terra si basa sul principio che tutti, a prescindere dall’etnia, dal sesso, da quanto guadagnino o in che parte del mondo vivano, hanno il diritto etico a un ambiente sano, equilibrato e sostenibile. Per questo motivo, l’obiettivo principale della Giornata è diffondere e ampliare il messaggio ambientalista e, allo stesso tempo, mobilitare il mondo intero per costruire un pianeta più vivibile.

Nel corso degli anni l’organizzazione della Giornata della Terra si è dotata di strumenti sempre più potenti, arrivando a celebrare il proprio 20 esimo anno di fondazione con una storica scalata sul monte Everest, durante la quale un team formato da alpinisti statunitensi, sovietici e cinesi, realizzò un collegamento mondiale via satellite. Al termine della spedizione tutta la squadra trasportò a valle oltre 2 tonnellate di rifiuti lasciati sul monte Everest da precedenti missioni.

Col passare del tempo, proprio grazie all’Earth Day, si è affermata la voce della “Green Generation”, la generazione che guarda a un futuro libero dall’energia da combustibili fossili, in favore di fonti rinnovabili, alla responsabilizzazione individuale verso un consumo sostenibile, allo sviluppo di una green economy e a un sistema educativo ispirato alle tematiche ambientali.

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS