BERGOGLIO A SANTA MARTA: “FARE MEMORIA DELLE COSE BELLE DI DIO” Il Pontefice ha affrontato un tema più volte toccato in precedenza, partendo da un brano della Prima lettura

616
  • English
SANTA MARTA

“Tornare indietro per vedere come Dio ci ha salvato, percorrere – con il cuore e con la mente – la strada con la memoria e così arrivare a Gesù”, così Papa Francesco ha iniziato l’omelia cella celebrazione mattutina nella cappella di Casa Santa Marta, riferendosi alla fede come a un cammino di cui un cristiano deve sempre “fare memoria”.

Il Pontefice ha affrontato un tema più volte toccato in precedenza, partendo da un brano della Prima lettura, nel quale Paolo entra di sabato nella sinagoga ad Antiochia e comincia ad annunciare il Vangelo partendo dai primordi del popolo eletto, passando per Abramo e Mosè, l’Egitto e la Terra promessa, fino ad arrivare a Gesù. Una “predicazione storica” che è fondamentale perché, ha precisato il Papa, consente di ricordare i momenti salienti, i segni della presenza di Dio nella vita dell’uomo.

“Lo stesso Gesù nel momento più grande della sua vita – Giovedì e Venerdì, nella Cena – ci ha dato il suo Corpo e il suo Sangue e ha detto: ‘Fate questo in memoria di me’. La memoria di Gesù. Avere memoria di come Dio ci ha salvato”, così Bergoglio si è soffermato sul concetto di “memoria”, un esercizio che fa bene a ogni cristiano perché “fare memoria, essere memori della propria vita e del proprio cammino” aiuta ad “arrivare a un nuovo incontro, all’incontro con la gratitudine”.

Dal nostro cuore, ha continuato Papa Francesco, deve nascere un “grazie” a Gesù, perché non smette mai di camminare al nostro fianco, “nella nostra storia”. “Quante volte – ha ricordato Francesco – gli abbiamo chiuso la porta in faccia, quante volte abbiamo fatto finta di non vederlo, di non credere che Lui fosse con noi. Quante volte abbiamo rinnegato la sua salvezza… Ma Lui era lì”.

“La memoria ci avvicina a Dio – conclude il Papa –. Io vi consiglio questo, semplicemente: fate memoria! Com’è stata la mia vita, come è stata la mia giornata oggi o come è stato questo ultimo anno? Memoria. Come sono stati i miei rapporti col Signore. Memoria delle cose belle, grandi che il Signore ha fatto nella vita di ciascuno di noi”

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS