SEGUE LA MOGLIE E LA UCCIDE, TRAGEDIA IN UN BAR DI LUNGHEZZA Dopo il delitto l'uomo ha tentato la fuga ma è stato fermato dalla polizia. Poi ha confessato

576
bar lunghezza

Tragedia in un bar di Lunghezza, alla periferia di Roma. Un uomo, Augusto Nuccetelli, 51 anni, ha freddato la moglie con quattro colpi di pistola, davanti agli occhi increduli di clienti e passanti, ancora sotto choc. Secondo le prime informazioni il killer avrebbe seguito la coniuge, Assunta Finizio, coetanea ed italiana anche lei, all’interno del bar. Lì avrebbe estratto la pistola esplodendo quattro colpi raggiungendo la compagna alla mano, all’addome e al petto.

L’omicida, stando alle testimonianze di chi si trovava sul posto, avrebbe poi tentato la fuga sbarazzandosi dell’arma in una stradina limitrofa. Passanti e clienti, però, hanno allertato immediatamente la polizia che è intervenuta fermando l’uomo e portandolo in questura dove avrebbe ammesso le proprie responsabilità. Secondo quanto si apprende, la coppia abitava in zona. La donna era una cliente abituale del bar. Stando alle testimonianze di chi li conosceva, i due erano spesso protagonisti di litigi e probabilmente si stavano lasciando, forse per una relazione extraconiugale dell’uomo.

I clienti del bar ed i passanti che in quel momento si trovavano in zona sono ancora sotto shock, terrorizzati da quell’uomo e da quella pistola estratta davanti a tutti. Il suono dei colpi esplosi risuona ancora nelle loro orecchie, mentre il cadavere della donna giace a terra in un lago di sangue, ennesima vittima della furia di un assassino.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS