I 10 CIBI CHE NUOCCIONO ALLA SALUTE

9825
  • English
  • Español
veleno

Prendete penna e taccuino e preparate la lista della “non spesa”. Proprio così: parliamo di prodotti che spesso finiscono sulle nostre tavole nonostante l’elevato tasso di contaminazione da agenti chimici. Veleni di cui ci nutriamo, magari ogni giorno, inconsapevoli della loro provenienza e di come vengono ottenuti. Un vero e proprio schiaffo alla salute. Colpa della crisi, che ci ha portato a valutare i nostri acquisti solo in base al prezzo tralasciando la qualità. Ma anche di una vera e propria invasione da parte di mercati esteri su un paniere economico, quello dell’agroalimentare italiano, che dovrebbe essere blindato.

Lo dimostra l’ultimo studio della Coldiretti che, in base delle analisi condotte dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) nel Rapporto 2015 sui Residui dei Fitosanitari in Europa, riporta una vera e propria blacklist degli alimenti più inquinati. Al primo posto ci sono i broccoletti cinesi che presentano tracce di elementi chimici nocivi nel 92% dei casi. Ma a preoccupare è anche il prezzemolo del Vietnam con il 78% di irregolarità e il basilico dall’India che è fuori norma in ben 6 casi su 10.

La conquista della vetta della classifica da parte della Cina non è un caso poiché il gigante asiatico anche nel 2015 ha avuto il primato dell’Ue nel numero di notifiche per prodotti alimentari irregolari perché contaminati dalla presenza di micotossine, additivi e coloranti al di fuori dalle norme di legge. Su un totale di 2967 allarmi per irregolarità segnalate in Europa, ben 386 (il 15%) – precisa la Coldiretti – hanno riguardato Pechino che in Italia nello stesso anno ha praticamente quintuplicato (+379%) le esportazioni di concentrato di pomodoro le quali hanno raggiunto circa 67 milioni di chili nel 2015, pari a circa il 10% della produzione nazionale. Se nella maggioranza dei broccoli cinesi è stata trovata la presenza in eccesso di Acetamiprid, Chlorfenapyr, Carbendazim, Flusilazole e Pyridaben, nel prezzemolo vietnamita – sottolinea la Coldiretti – i problemi derivano da sostanze come Chlorpyrifos, Profenofos, Hexaconazole, Phentoate, Flubendiamide mentre il basilico indiano contiene Carbendazim che è vietato in Italia perché ritenuto cancerogeno.

Nella classifica dei prodotti più contaminati elaborata alla Coldiretti ci sono però anche le melagrane dall’Egitto che superano i limiti in un caso su tre (33%), ma fuori norma dal Paese africano sono anche l’11% delle fragole e il 5% delle arance che arrivano peraltro in Italia grazie alle agevolazioni sull’importazione concesse da Bruxelles. Con una presenza di residui chimici irregolari del 21% i pericoli vengono anche dal peperoncino della Thailandia e dai piselli del Kenia contaminati in un caso su dieci. I problemi riguardano anche la frutta dal Sud America come i meloni e i cocomeri importati dalla Repubblica Dominicana che sono fuori norma nel 14% dei casi per l’impiego di Spinosad e Cypermethrin. E’ risultato irregolare – sottolinea la Coldiretti – il 15% della menta del Marocco, un altro Paese a cui sono state concesse agevolazioni dall’Unione Europea per l’esportazione di arance, clementine, fragole, cetrioli, zucchine, aglio, olio di oliva e pomodori da mensa che hanno messo in ginocchio le produzioni nazionali.

L’accordo con il Marocco è fortemente contestato dai produttori agricoli proprio perché nel Paese africano è permesso l’uso di pesticidi pericolosi per la salute che sono vietati in Europa. L’agricoltura italiana – ha concluso – è la più green d’Europa con 281 prodotti a denominazione di origine (Dop/Igp), il divieto all’utilizzo degli Ogm e il maggior numero di aziende biologiche, ma è anche al vertice della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,4%), quota inferiore di quasi 4 volte rispetto alla media europea (1,4%) e di quasi 20 volte quella dei prodotti extracomunitari (7,5%).

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

3 COMMENTS

  1. Ringraziamo anche gli europarlamentari del PD che recentemente hanno votato l’utilizzo del glifosato in agricoltura per altri 7 anni!!! Memento semper…

  2. L’articolo e’ estremamente importante non solo per la nostra salute ma per la nostra economia nazionale (e giustamente si mette in evidenza il sabotaggio quotidiano dei nostri europarlamentari partitocratici a Bruxelles e Strasburgo), purtroppo il titolo e’ decisamente sbagliato, che andrebbe molto piu’ opportunamente e razionalmente cambiato in “I 10 cibi importati dall’estero che nuocciono alla nostra salute e alla nostra agricoltura”. Per la loro salute e la loro agricoltura invece non e’ affatto nociva, anzi proprio i cinesi devono assolutamente mangiare 10 chili dei loro broccoli ogni giorno a testa, gli indiani il loro basilico a chilate quotidiane, gli egiziani 100 delle loro melegrane al giorno, I marocchini chili e chili di menta al giorno e a testa. Cosi loro mangiano le loro inqualificabili produzioni nazionali e noi invece restiamo felici e sani con I nostri dop biocertificati, alla faccia dei burocrati della Commissione e con buona pace dei nostri europarlamentari di partito. Che I nostri Governanti, che nessuno ha mai votato, se ne facciano una ragione. Bravi alla Coldiretti, continuate cosi. E basta con questa “Europa”.

  3. basterebbe fare una legge “italiana” che impedisse per un dato periodo di tempo l’importazione di derrate alimentare di qualsiasi genere in tutti quei paesi che hanno esportato in Italia cibi avvelenati; vediamo se l’europa si oppone!

LEAVE A REPLY