ONDATA DI CALDO ANOMALO IN INDIA: 200 MORTI IN TRE STATI Tra le vittime anche una bambina di 12 anni, deceduta mentre cercava di raggiungere una pompa manuale a mezzo chilometro da casa sua

554
india

Sono almeno 200 le persone che sono morte negli ultimi giorni in tre Stati indiani a causa delle alte temperature, che hanno toccato punte anormali per la stagione, e che sono attualmente accompagnate da una intensa siccità nel centro e nell’est indiano. A riferirlo è la Ndtv, che ha raccontato anche la triste storia di Yogita Asjok Desai, una bambina di 12 anni, morta a causa delle altissime temperature. La piccola è crollata a terra ieri sotto il sole mentre stava cercando di raggiungere una pompa manuale a mezzo chilometro da casa sua.

Il Dipartimento di meteorologia indiano ha confermato che aprile sta registrando una insolita ondata di caldo, con punte fino a 46 gradi, superiori di cinque o sei gradi a quelle normali per la stagione. A causa di questo, secondo i resoconti parziali della stampa, le vittime finora registrate in tre Stati del sud e dell’est indiano, sono circa 100 in Telangana, 55 in Orissa e 45 in Andhra Pradesh.

Anche lo scorso anno l’India era stata investita da un’anomala ondata di caldo che aveva causato oltre 1.900 decessi. Il 95% delle morti era stata registrata nell’Andhra Pradesh e il vicino Telengana, seguiti dall’Orissa. Le autorità locali intanto continuano a raccomandare di bere molta acqua e hanno ordinato di allestire dei ventilatori nelle baracche dove vivono i più poveri, costruite spesso con lamiere e senza finestre, dentro le quali la temperatura è ancora più alta.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS