METALMECCANICI DI NUOVO IN PIAZZA INSIEME, SCIOPERO DI 4 ORE Mobilitazione unitaria dopo 8 anni per il rinnovo del Ccnl. Landini al governo: "Defiscalizzi gli aumenti"

456
metalmeccanici

“Tute blu” di nuovo unite per chiedere un miglior trattamento economico. Le principali sigle sindacali hanno infatti proclamato uno sciopero di 4 ore a sostegno della vertenza contrattuale. L’obiettivo è di “far cambiare idea a Federmeccanica” rispetto alla proposta sul salario, ritenuta da loro inaccettabile perché riconoscerebbe aumenti del contratto nazionale solo al 5% dei lavoratori, e quindi di “riprendere al più presto la trattativa per arrivare al rinnovo, che riguarda 1,6 milioni di lavoratori”.

La mobilitazione sarà accompagnata da diverse iniziative territoriali. Il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, sarà a Milano, Franco Bentivogli (Fim-Cisl) a Napoli e Rocco Palombella (Uilm) a Reggio Emilia, per un presidio anche nella città “dove ha sede il gruppo che fa riferimento al presidente di Federmeccanica. Una scelta simbolica”, è stato spiegato, oltre alle due città, una al nord e l’altra al sud in cui ci saranno i cortei principali.

“Il governo dovrebbe fare un provvedimento urgente per defiscalizzare gli aumenti dei contratti nazionali di lavoro” ha detto Landini. “L’esecutivo ne ha fatte già abbastanza a favore delle imprese – ha spiegato -. Ora servirebbe una defiscalizzazione degli aumenti contrattuali non solo dei metalmeccanici, perché molte categorie sono senza contratto nazionale. Milioni di persone”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS