EGITTO, DOPPIO ATTACCO NEL SINAI: 11 MORTI E ALMENO 18 FERITI Dietro gli attentati ci sarebbe la costola locale dell'Isis. Tra le vittime c'è anche un bambino

519
attentati sinai

Undici persone sono morte in due attentati avvenuti martedì sera nel nord del Sinai. Secondo al Jazira, otto persone sono morte e 18 sono rimaste ferite in un assalto avvenuto a sud di Rafah, mentre altri tre morti fra cui un bambino, nei pressi di Sheikh Zuid per un colpo di mortaio sparato dalle milizie jihadiste locali e caduto per errore su una abitazione.

Il ministero dell’Interno del Cairo ha reso noto che le milizie hanno attaccato un’auto della polizia mentre era di pattuglia a Rafah con un razzo Rpg. Al momento nessuno ha reclamato gli attacchi, che di solito vengono rivendicati dai gruppi attivi nel Sinai fedeli all’Isis che solitamente colpiscono l’esercito e la polizia locale.

La regione del Sinai si conferma, dunque, tra le più instabili del bacino del Medio Oriente. Il 31 ottobre 2015 un aereo russo della Metrojet si schiantò nella regione causando la morte di 224 persone tra passeggeri ed equipaggio. Le indagini proseguono ma la pista più probabile resta quella dell’attentato. Pochi giorni dopo la costola locale dell’Isis attaccò il resort El Arish provocando 6 vittime, fra cui due giudici.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS