AURELIO, MAESTRA ARRESTATA PER MALTRATTAMENTI SUI BIMBI DEL NIDO Le due colleghe de "Il Nido del Parco”, in via Francesco Scaduto, sono state sospese

709
nido

Una maestra di un asilo nido comunale di Roma è stata arrestata con l’accusa di maltrattamenti aggravati. La donna è stata messa agli arresti domiciliari dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma San Pietro, mentre altre due maestre sono state sospese dall’incarico. Le indagini, effettuate anche mediante intercettazioni ambientali e con l’ausilio di telecamere, hanno permesso ai Carabinieri di accertare che, all’interno dell’asilo nido comunale “Il Nido del Parco”, sito in via Francesco Scaduto, all’Aurelio, i bambini della sezione “medi” venivano sottoposti a maltrattamenti fisici e psicologici dalle tre educatrici “di ruolo” della struttura scolastica.

Nello specifico, i bimbi, tutti di età compresa tra i 12 e i 24 mesi, venivano strattonati, afferrati di peso e trascinati da un solo braccio da una parte all’altra degli ambienti scolastici. Venivano inoltre forzati, ripetutamente, nella somministrazione del cibo nel corso della quale, spesso, gli veniva tappata la bocca per evitare che vomitassero. Inconcepibilmente violente anche le reazioni delle maestre quando i piccoli “disobbedivano ai loro ordini”: urla, schiaffi e scossoni venivano indirizzati ai piccoli come punizione corporale per la loro “irrequietezza”.

Non è la prima volta che accadono casi simili in cui maestre vengono sospese, arrestate o denunciate per maltrattamenti. Proprio pochi giorni fa è stato chiuso l’asilo nido “Albero Azzurro” di Grosseto, al centro delle cronache per i filmati in cui si vedevano le educatrici che picchiavano e maltrattavano i più piccoli. Sospesa per 5 mesi, invece, la maestra d’asilo che nel vicentino teneva un comportamento violento nei confronti dei suoi allievi, arrivando a sputargli in faccia. Infine, lo scorso 16 marzo, a Latina, due educatrici della materna sono state sospese per un anno per aver sottoposto i piccoli allievi a offese, strattonamenti e vessazioni.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS