JUNCKER: “LA TURCHIA NON HA BISOGNO DI LANCIARE MINACCE AL VENTO” Il presidente della commissione europea ha ribadito la validità dell'accordo concluso

564
juncker

“Abbiamo concluso un’intesa; l’accordo è applicato. Non occorre lanciare minacce al vento”, così ha risposto il presidente della Commissione dell’Unione europea Juncker a chi ha chiesto se il premier turco Davutoglu non abbia usato toni da avvertimento. “Come parte dell’accordo stiamo lavorando per la liberalizzazione dei visti per i cittadini turchi. La Turchia ora deve soddisfare tutte le condizioni restanti in modo tale che la Commissione Ue possa adottare la sua proposta nei prossimi mesi. La liberalizzazione dei visti è una questione di criteri. I criteri non saranno annacquati nel caso della Turchia”, ha concluso Jean Claude Juncker al Consiglio d’Europa, dove è presente anche il premier turco Ahmet Davutoglu.

Le dichiarazioni di Juncker erano state precedute da quelle del premier di Ankara, fatte poco prima della sua partenza da Strasburgo dove si trovava per partecipare al Consiglio europeo. “Continuo a credere – ha detto il premier di Ankara, Ahmet Davutoglu, prima di partire per Strasburgo, dove oggi vedrà il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker – che avremo l’esenzione dai visti a giugno. Se non sarà così, allora di certo nessuno potrà aspettarsi che la Turchia mantenga i suoi impegni”. “La Turchia è un interlocutore serio – ha concluso Davatoglu-. Fa quello che ha promesso e non farà concessioni sulla realizzazione di ciò che le è stato promesso”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS