PULITZER 2016 A REUTERS E NYT PER GLI SCATTI SULLA CRISI MIGRATORIA IN EUROPA Per il New York Times i vincitori sono Mauricio Lima, Sergey Ponomarev, Tyler Hicks e Daniel Etter

593
PULITZER

Il New York Times e l’agenzia Reuters sono i vincitori del premio Pulitzer 2016 per la sezione fotografica Breaking News per i loro scatti sulla crisi dei migranti in Europa. Il premio statunitense istituito alla morte del giornalista omonimo nel 1917, è considerato la più prestigiosa onorificenza nazionale per il giornalismo, successi letterari e composizioni musicali. È da sempre gestito dalla Columbia University di New York.

Per Reuters è stato nominato vincitore lo staff foto, mentre per il New York Times i vincitori sono Mauricio Lima, Sergey Ponomarev, Tyler Hicks e Daniel Etter che hanno descritto la fuga dei profughi e l’accoglienza nei paesi ospitanti. L’Associated Press ha vinto il premio per il servizio pubblico per le inchieste sugli schiavi che lavorano nell’industria della lavorazione del pesce. Premio anche al Tampa Bay Times e al Sarasota Herald-Tribune per l’inchiesta sugli ospedali psichiatrici. Alissa J. Rubin del The New York Times ha vinto il premio per il miglior reportage internazionale con una storia sulle donne afghane, mentre il Washington Post è stato premiato per il suo database sulle uccisioni da parte della polizia.

Passando dalle inchieste giornalistiche all’arte, ha vinto il Pulitzer 2016 per il teatro il musical “Hamilton” di Lin-Manuel Miranda. Ispirato alla biografia del primo ministro del Tesoro degli Stati Uniti, Alexander Hamilton, sta diventando uno dei maggiori successi nella storia di Broadway. Il premio della categoria narrativa è andato a Viet Thanh Nguyen per “The Sympathizer”, una storia di immigrazione fra Vietnam e Stati Uniti. Il riconoscimento per la sezione storia è andato invece al libro di T. J. Stiles, “Custer’s Trials: A Life on the Frontier of a New America”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS