RANIERI TREMA: IL TOTTENHAM CALA IL POKER E VA A -5 DAL LEICESTER A decidere il match contro lo Stoke City le doppiette di Kane e Alli

523
tottenham

In Premier League il Tottenham crede ancora allo scudetto. E grazie alla vitoria guadagnata al termine di una prestazione perfetta, i londinesi calano il poker in trasferta, asfaltando lo Stoke City per 4-0. Ora sono a -5 dal Leicester di Ranieri quando al termine del campionato mancano quattro giornate. Kane e Alli sigillano il risultato con una doppietta a testa, ma la compattezza della squadra e l’affiatamento degli undici fa capire che il Tottenham ha tutte le carte in regola per raggiungere lo scudetto inglese.

I londinesi realizzano un gioco liscio e pulito, senza sbavature. Quando Kane trova poi lo spiraglio per raggiungere la porta, difficilmente sbaglia. L’attaccante costringe Given alla deviazione con una gamba, ma purga lo Stoke non più di tre minuti dopo. Dembelé lo trova sul vertice sinistro dell’area, ma lui entra in area e calcia una traiettoria a giro che s’infila nell’angolo. Dagli spalti si ode un solo coro: “Harry Kane, segna quando vuole”. Ma i Potters non ci stanno e tanto di recuperare le distanze, ma al 42′ un tiro di Alli smarca Eriksen, ma solo davanti a Given trova solo la traversa.

A inizio ripresa gli Spurs vogliono chiudere subito il match, ma Rose scivola quando davanti a lui c’è solo il portiere. Alli tira alto da una buona posizione, mentre Lamela trova la parata del portiere irlandese. Tuttavia, al 68′ i londinesi siglano la rete della sicurezza: Dele Alli, servito da Eriksen, con freddezza butta la sfera in porta sorprendendo Given. Poi il centrocampista fallisce una rete colpendo il palo a porta vuota. Ma Kane rimedia subito: sfruttando l’assist di Lamela infila la rete del 0-3. Alli vuole recupera la gaffe e a soli 8 minuti dalla fine cala il poker. Pochettino si gode la sua prima vittoria contro lo Stoke, portandosi a -5 dal Leicester mettendo pressione a Ranieri.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS