“LIVE ARTS WEEK”, A BOLOGNA ARRIVA L’ARTE PERFORMATIVA Si tratta della quinta edizione di un evento unico in Italia

550
bologna

Bologna ospita la “Live arts week”, la settimana dedicata all’arte performativa organizzata da Xing negli spazi del Mambo – Museo d’arte contemporanea di Bologna. Si tratta della quinta edizione di un evento unico in Italia, caratterizzato da performance che ruotano intorno alla presenza e all’esperienza percettiva di corpi, movimenti, suoni e visioni, presentate da personalità di spicco della ricerca contemporanea internazionale.

La mostra è stata inaugurata con un “prologo”, con la prima assoluta di “Natten”, – nuova opera performativa dello svedese Marten Spangberg – ma aprirà ufficialmente oggi. Il programma è un vero e proprio palinsesto di opere dal vivo – performance, ambienti, concerti, live media, expanded cinema, con date uniche, produzioni e anteprime – e sarà lo spettatore a decidere come fruirne, non essendoci nessun percorso prestabilito.

Tra i protagonisti di questa edizione – presentata da istituzioni bolognesi e regionali e dai direttori artistici, Silvia Fanti e Daniele Gasparinetti – la coreografa italo-belga Sara Manente, con il suo “Spectacles”, durante il quale si interroga sui limiti del linguaggio nei confronti di un’esperienza estetica, il sound artist giapponese Minoru Sato, i cui strumenti musicali inventati ed utilizzati producono un ossessivo ciclo percussivo che evoca un disperante e cieco richiamo d’amore, lo svizzero Marco Berrettini, promulgatore di una danza per tutti e contro lo spettacolarmente corretto, e lo Zapruderfilmmakersgroup.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS