AMORIS LAETITIA, IL 19 APRILE LA PRESENTAZIONE ALLE ONG DI ROMA L'incontro è promosso dal Working Group sulla Famiglia che opera nel Forum di Ginevra

611
amoris laetitia

L’Esortazione Apostolica post-sinodale di Papa Francesco “sull’amore nella famiglia”, “Amoris Laetitia”, frutto delle due Assemblee sinodali, svolte nel 2014 e nel 2015, sarà presentata agli ambasciatori che prestano servizio nell’Urbe. Per offrire alcune prime riflessioni sul documento, si terrà un incontro martedì prossimo, 19 aprile, alle ore 9:45 al Palazzo San Calisto di Roma, promosso dal Working Group sulla Famiglia che opera nel Forum di Ginevra delle Ong di ispirazione cattolica, come la Comunità Papa Giovanni XXIII, Points Coeur, Caritas Internationalis e l’organizzazione coordinatrice, l’Unione Mondiale delle Organizzazioni Femminili Cattoliche, insieme con la Fondazione Caritas in Veritate e con il patrocino del Pontificio Consiglio per la Famiglia.

L’esortazione sarà presentata da mons. Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia. All’incontrò parteciperà anche mons. Ivan Jurkovic, osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite a Ginevra, che parlerà dell’attività di “advocacy” all’Onu sulla protezione della famiglia. Il presidente generale dell’Umofc, Maria Giovanna Ruggeri, ha dichiarato che questo documento “ribadisce il legame imprescindibile tra l’amore e l’educazione alla vita piena che vede nella famiglia l’ambito primo e privilegiato”. Non mancheranno membri della Curia Romana, rappresentanti del Corpo Diplomatico accreditato presso la Santa Sede, leader internazionali delle Ong di ispirazione cattolica e altri ospiti. L’incontro “offrirà – spiegano i promotori – un’importante occasione per approfondire l’esortazione apostolica e l’insegnamento del Santo Padre sulla famiglia nella Chiesa, nella comunità internazionale e nell’intera famiglia umana”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS