A MOLENBEEK ARRIVA IL MIMA, IL MUSEO DELL’ARTE 2.0 Il Mima avrà più di mille metri quadrati di spazio espositivo

552
mima

Molenbeek non sarà più ricordata solamente per essere la culla del jihadismo belga, il territorio al centro dell’Europa che ha dato ospitalità a numerosi estremisti islamici e terroristi. Da oggi, infatti, nel quartiere di Bruxelles arriverà una ventata di arte e bellezza, un nuovo museo. Si tratta del Millennium Iconoclast Museum of Art – Mima -, uno spazio espositivo dedicato alla cultura 2.0, ossia quella strettamente legata a internet e al mondo dell’arte urbana.

Non più terrorismo, esclusione sociale e paura, ma graffiti, hip-hop, skate e fumetti. Tutto ciò che c’è di contemporaneo e innovativo nell’arte, insomma. Non a caso, lo stesso nome del museo ricorda quello del più famoso Moma di New York, al quale somiglia anche dal punto di vista estetico e nella modalità espositiva: il Mima avrà più di mille metri quadrati di spazio distribuiti lungo i 4 piani della vecchia fabbrica di birra “Beellevue”, che si affaccia sul Canale di Bruxelles.

L’idea del nuovo museo è dar voce e spazio a quegli artisti contemporanei che comunicano direttamente con il pubblico e che non usano più intermediari. Scultori, pittori, performer che hanno acquisito una visibilità a margine del mondo dell’arte contemporaneo e che rappresentano questa nuova cultura, come Bansky, Barry McGee o Parra.

Dietro questo progetto, ci sono Alice Van Abeele, Florence De Launoit, Rafael Cruyt e Michel De Launoit, 4 giovani europei che hanno come obiettivo rompere le barriere culturali e raggiungere tutti i tipi di pubblico, cercando di mostrare il mondo di oggi con lo sguardo ben fisso sul futuro.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS