NBA: I GOLDEN STATE TRIONFANO, BRYANT SALUTA IL BASKET E DIVENTA LEGGENDA E' già delineato, invece, il quadro dei playoff che inizieranno il prossimo sabato

504
nba

Una notte emozionante, che ha concluso alla grande la stagione regolare della Nba, la principale lega professionistica di pallacanestro degli Stati Uniti. I Golden State Warriors hanno incontrato a Oakland i Memphis, superandoli facilmente con un punteggio di 125 a 104. I “guerrieri” hanno ottenuto la 73 esima vittoria della stagione e hanno superato il record dei Chicago Bulls della stagione 1995-96, entrando così a pieno titolo nella leggenda del basket americano.

A rendere possibile la vittoria dei Golden State Warriors è stato il formidabile Stephen Curry, che ha conquistato 46 punti e 10/19 dall’arco dei tre punti, una statistica che consente al giocatore di superare quota 400 triple in “regular season” e di infrangere un ulteriore record di una stagione pazzesca della Nba.

La serata conclusiva, però, sarà ricordata anche per un altro evento: allo Staples Center di Los Angeles, infatti, c’è stato l’addio al basket di Kobe Bryant, il 37enne che ha guidato i Los Angeles Lakers al successo contro Utah per 101-96. Bryant ha firmato la bellezza di 60 punti, con 22/50 al tiro e 17 punti consecutivi negli ultimi 5’41”, portando i californiani dal -5 al successo. Tra il pubblico, letteralmente impazzito per le prestazioni eccezionali del giocatore, un nutrito gruppo di vip, tra i quali Jack Nicholson, David Beckham, Jay-Z e Snoop Dog, ma anche alcuni ex compagni di squadra di Bryant, a cominciare dal nemico-amico Shaquille O’Neal.

E’ già delineato, invece, il quadro dei playoff che inizieranno il prossimo sabato. A est il primo turno vedrà gli accoppiamenti Cleveland-Detroit, Toronto-Indiana più Miami-Charlotte e Atlanta-Boston, queste ultime squadre hanno chiuso tutte con lo stesso record di 48 vittorie e 34 sconfitte. A ovest, Golden State-Houston, San Antonio-Memphis, Oklahoma City-Dallas e L.A. Clippers-Portland.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS