TENSIONE NEL MAR BALTICO: CACCIA RUSSI IN VOLO RADENTE SU NAVI USA Inoltre, poco prima un elicottero russo anti sommergibile Ka-27 aveva volato sette volte vicino alla nave, scattando delle foto

869
  • English
mar baltico

Tensione sul Mar Baltico tra Usa e Russia. Infatti, il Pentagono ha denunciato una serie di sorvoli ”aggressivi”, tra lunedì e martedì, di aerei militari russi su una nave da guerra americana nelle acque internazionali del mar Baltico. Due Su-24, stando alla versione americana, sono passati sopra il cacciatorpediniere Donald Cook a meno di 900 metri di distanza e ad un’altezza di 30 metri.

Secondo quanto riferito dal comando delle forze statunitensi in Europa, uno dei due caccia di Mosca ha sfiorato la nave Usa a meno di nove metri con una manovra che aveva ”il profilo di un attacco simulato” e che ha ”provocato dei mulinelli d’acqua”. Inoltre, poco prima un elicottero russo anti sommergibile Ka-27 aveva volato sette volte vicino alla nave, scattando delle foto.

”Questo incidente è in contraddizione con le norme professionali che si applicano a militari operanti vicini l’uno all’altro in acque internazionali e nello spazio aereo internazionale”, ha commentato Josh Earnest, portavoce della Casa Bianca, deplorando i ”ripetuti incidenti” dell’anno scorso. Ma gli ultimi sorvoli, secondo un responsabile americano rimasto anonimo, ”sono stati più aggressivi di tutti quelli che abbiamo visto da un certo tempo”.

Le manovre russe sono cominciate lunedì quando il Donald Cook si trovava a 70 miglia nautiche (circa 130 km) da Kaliningrad, l’enclave russa in territorio europeo, tra Polonia e Lituania. L’equipaggio americano ha tentato varie volte di allertare gli aerei russi attraverso le frequenze internazionali ma senza ricevere risposta. Secondo dati della Nato nel 2015 sono stati oltre cento i jet russi intercettati nello spazio europeo con ripetuti rischi di incidente, in particolare sul Baltico e vicino alla Gran Bretagna.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS