MILANO: WRITERS TRAVOLTI DA UN TRENO, MUORE UN 19ENNE Svyatoslav Naryshev, residente a Sesto San Giovanni e cittadino italiano di origini russe, è deceduto sul colpo

614
writers

Un treno ha travolto questa notte alla stazione Greco-Pirelli di Milano due writers. L’incidente è avvenuto verso le 22 all’altezza di via Venezia di Sesto San Giovanni. Le vittime – spiega la polizia – sono due ragazzi che stavano facendo un graffito; sul posto sono state infatti trovate 11 bombolette spray. Il più giovane, un 19evenne di origini russe, è deceduto sul luogo dell’investimento; si tratta di Svyatoslav Naryshev, residente a Sesto San Giovanni e cittadino italiano. L’altro ragazzo, italiano, nato a Monza nel ’95, ha riportato una frattura biossea alla gamba destra. E’ stato trasportato in codice giallo all’ospedale Niguarda, dove gli hanno dato 25 giorni di prognosi e non è in pericolo di vita.

I ragazzi erano passati da un buco nella recinzione e avevano realizzato un graffito su una parete all’interno dell’area ferroviaria. Finito il lavoro, avevano riattraversato i binari per tornare a casa ma, a causa del maltempo e della poca visibilità, non si sono accorti del convoglio in arrivo: la pioggia potrebbe aver coperto il rumore della motrice. Uno dei due ha fatto in tempo a saltare e allontanarsi dai binari; per l’altro, non c’è stato nulla da fare: è morto sul colpo.

Le indagini sono state affidate ai poliziotti del commissariato di Sesto San Giovanni guidati dal vice questore aggiunto Manfredi Fava. I rilievi della polizia scientifica hanno richiesto tutta la notte però la dinamica è stata rapidamente ricostruita grazie alla testimonianza dell’amico della vittima. Il convoglio, dopo avere investito i ragazzi, non si è fermato perché il macchinista non si è accorto dell’incidente; è stato bloccato successivamente dai poliziotti. Era diretto a Lecco. Il 5 agosto scorso anche un altro giovane writer, Edoardo Baccin, era rimasto ucciso da un treno alla stazione di Arona.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS