L’ALLARME DI MSF: “L’EUROPA RISCHIA DI DIVENTARE UN CAMPO PROFUGHI A CIELO APERTO” Il presidente di Medici Senza Frontiere: "Se le persone vengono bloccate sulla rotta balcanica troveranno sicuramente delle altre vie per giungere da noi"

551
europa

Arriva l’estate, e con essa Medici Senza Frontiere lancia l’allarme. Infatti, con la bella stagione e la chiusura della rotta balcanica, l’Europa “rischia di diventare dei campi profughi a cielo aperto”. Il monito è di Loris De Filippi, presidente di Msf. “Ci apprestiamo a tornare nel Mediterraneo centrale a soccorrere le persone – ha detto a margine di una conferenza – consapevoli del fatto che se le persone vengono bloccate sulla rotta balcanica troveranno sicuramente delle altre vie per giungere da noi. Credo che l’Europa abbia fatto un calcolo cinico ma molto ottuso, bloccando quella rotta invece di risolvere la situazione con i ricollocamenti o con altre misure.

Poi ha aggiunto: “Credo che l’Europa meridionale subirà ancora gli arrivi e questa volta la notizia sconvolgente è che l’Austria sta chiudendo le frontiere al Brennero e Ventimiglia lo farà molto probabilmente presto”. In vista di questo possibile scenario, Msf ha deciso di tornare con le sue navi in mare, “perché il numero delle navi che fanno soccorso sembra insufficiente. Per tre mesi saremo in mare e poi verificheremo se continuare” ha concluso.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS