OSTIA: BLITZ ANTIMAFIA CONTRO IL CLAN SPADA, 10 ARRESTI L'operazione dei carabinieri è scattata all'alba. Raggi: "Colpito un altro municipio governato dal Pd". Orfini replica: "M5s non ha mai preso le distanze"

475
latitante

I Carabinieri del Comando provinciale di Roma hanno eseguito a Ostia un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 10 persone appartenenti alla famiglia Spada.Gli arresti sono scattati all’alba al termine di una mirata e prolungata attività investigativa denominata “Sub Urbe”. La famiglia Spada, assieme a quelle Fasciani e Triassi, è considerata uno dei clan che controlla gli affari illeciti sul litorale romano.

I 10 appartenenti alla famiglia Spada sono ritenuti a vario titolo coinvolti in una gambizzazione e in varie estorsioni. Secondo quanto si è appreso, viene contestata l’aggravante di aver agito avvalendosi delle condizioni di cui all’art. 416 bis c.p. e con il metodo mafioso.

Gli arresti sono scattati all’alba al termine di una mirata e prolungata attività investigativa denominata “Sub Urbe”. La famiglia Spada, assieme a quelle Fasciani e Triassi, è considerata uno dei clan che controlla gli affari illeciti sul litorale romano. “In realtà parliamo di quelli da cui il M5S di Ostia non ha mai preso davvero le distanze. E sì che vi avevo avvertito”.

L’operazione ha generato il solito strascico polemico. “Grazie a carabinieri per operazione contro clan Spada. Altro colpo a municipio che governava Pd. Cittadini onesti sono più forti di mafie” ha commentato Virginia Raggi, candidata del M5s per il Campidoglio. “In realtà parliamo di quelli da cui il M5S di Ostia non ha mai preso davvero le distanze. E sì che vi avevo avvertito” è stato il tweet di risposta del commissario straordinario del Pd capitolino, Matteo Orfini.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS