CARENZA DI SONNO E UBRIACHEZZA? PER IL CERVELLO HANNO GLI STESSI EFFETTI La "conta delle pecore" per addormentarci potrebbe avere l'effetto opposto, meglio bere un bicchiere di latte

540
carenza di sonno

Uscire con gli amici, fare l’alba o quasi e ber un bicchierino di troppo. Potrebbe essere il riassunto di un sabato sera tipo di molti giovani. La mattina, magari bisogna alzarsi presto e quindi le ore di sonno a disposizione sono state pochissime. E’ come essere due volte ubriachi, infatti secondo i risultati di una recente ricerca condotto dall’University of Oxford e Royal Society for Public Health in Gran Bretagna, per il nostro cervello la carenza di sonno ha gli stessi effetti dell’ubriachezza.

Secondo gli esperti dopo 17 ore di veglia, il calo di attenzione che viene registrato è simile a quello causato da un tasso di alcol nel sangue dello 0,05%, mentre dopo 24 ore senza dormire, la nostra capacità di rimanere concentrati equivale a quella che si verifica con una concentrazione di alcol dello 0,1%, superiore ai limiti previsti per poter guidare negli Stati Uniti.

La pubblicazione, oltre a mettere in guardia dagli effetti collaterali dovuti alla mancanza di sonno, fornisce consigli utili anche per coloro che hanno problemi importanti di sonno, come per esempio coloro che soffrono di insonnia, che in poche parole vuol dire “non riuscire a dormire per tre notti a settimana per almeno tre mesi”.

Gli scienziati hanno consigliato quando possibile di evitare i farmaci, ma se si è costretti ad assumerli è importantissimo seguire con attenzioni le prescrizioni fatte dal proprio medico. Ma ci sono anche alcuni trucchetti che potrebbero essere di aiuto. Innanzitutto basta con la “conta delle pecorelle”: questo tipo di esercizio potrebbe infatti avere l’effetto opposto, ossia quello di tenerci ancora più svegli. Secondo gli scienziati, invece, potrebbe essere molto utile bere un bicchiere di latte prima di andare a letto. Questo alimento infatti esercita sull’organismo un effetto ristoratore e calmante, anche negli adulti.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS