BRENNERO, L’AUSTRIA PREPARA LA BARRIERA ANTI PROFUGHI

514
brennero

Vienna passa dalle minacce ai fatti. Dopo aver paventato la chiusura del valico del Brennero se l’Italia non avesse provveduto a contenere l’arrivo di profughi l’Austria ha iniziato i lavori per la costruzione di una barriera in grado di limitare, in caso di necessità, gli ingressi. La struttura – ha detto il capo della polizia tirolese Helmut Tomac all’agenzia Apa – avrà una lunghezza di 250 metri e comprenderà l’autostrada, come anche la strada statale. Al valico italo-austriaco sono già stati smontati i guardrail e in una prima fase di lavori sarà anche modificata la segnaletica stradale. I controlli del traffico leggero e pesante saranno effettuati in un parcheggio a nord del confine. Nei prossimi giorni sarà anche allestito un centro di registrazione. I controlli – ha detto Tomac – potrebbero partire a fine maggio, ma sarà il ministero degli interni a Vienna a stabilire l’effettivo avvio.

Intanto non si placano le tensioni nei Paesi europei di confine, ormai stremati dall’emergenza rifugiati. La polizia macedone ha usato di nuovo gas lacrimogeni contro i migranti – oltre 500 – che cercavano di abbattere la barriera di confine al campo di Idomeni in Grecia. Lo riporta Sky News in un tweet. Il gruppo avrebbe tentato di sfondare la barriera dopo aver sentito parlare gli attivisti delle diverse organizzazioni non governative di una possibile imminente apertura dei confini tra Macedonia e Grecia. Quando la polizia macedone ha negato queste voci, i migranti – tra i quali c’erano anche bambini – ha tentato di scavalcare la recinzione ed entrare in Macedonia.

Secondo Medici Senza Frontiere almeno 260 migranti sono stati curati dopo gli scontri. “Duecento sono stati soccorsi per problemi respiratori, 30 per ferite causate da proiettili di gomma e altri 30 per altre ferite” ha riferito un responsabile dell’associazione. Diversi migranti sono stati ricoverati all’ospedale di Kilkis. La polizia macedone, dal canto suo, smentisce di aver utilizzato proiettili di gomma, ma “solo lacrimogeni”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS