UGANDA: GUASTO L’UNICO IMPIANTO DEL PAESE PER LA RADIOTERAPIA, MALATI A RISCHIO Il reparto di oncologia del Mulago Hospital di Kampala cerca 1,8 milioni di dollari per riparare il macchinario

496
Mulago-hospital

Decine di migliaia di pazienti oncologici dell’Uganda, e non solo, non potranno più curarsi: si è infatti guastato, ed è in condizioni di non potere essere riparato, l’unico macchinario per la radioterapia dell’intero Paese. Impianto al quale si affidavano anche migliaia di pazienti dai vicini Ruanda, Burundi e Sud Sudan. Lo scrive la Bbc, citando il reparto di oncologia del Mulago Hospital di Kampala, che ora è alla ricerca di almeno 1,8 milioni di dollari per poterne acquistare uno nuovo.

La macchina era stata donata all’ospedale nel 1995 e da allora ha subito diverse riparazioni. Ora l’ospedale si è rivolto al ministero della sanità, che ha però premesso che prima almeno dell’anno prossimo difficilmente arriverà un macchinario nuovo. Christine Namulindwa, portavoce dell’ospedale, ha detto al telefono alla Bbc che al reparto di oncologia si rivolgono ogni anno circa 44.000 persone, almeno il 75% delle quali devono sottoporsi a radioterapia per potersi salvare.

“E’ un momento veramente veramente difficile”, ha detto la portavoce, e ogni giorno si devono rimandare a casa persone che ripongono nella terapia tutte le loro speranze, anche se l’ospedale è ancora in grado di somministrare la chemioterapia o di praticare operazioni chirurgiche. E quelli che possono ricevere solo la radioterapia e, soprattutto, possono permettersi di viaggiare, ha spiegato Namulindwa, devono andare a farsi curare in Kenya. Un dirigente del ministero della sanità di Kampala, Jackson Oryem, ha detto che il governo sta anche pensando di finanziare il viaggio ai più indigenti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS