SI FINGEVA MENDICANTE, BECCATO SU UN’AUTO DI LUSSO

685
mendicante

Da anni i cittadini di Newquay, piccolo centro della Cornovaglia, erano abituati a vedere Matthew Brinton e il suo cane Hazel, chiedere l’elemosina seduti sul marciapiede. Ore e ore fermi, sempre allo stesso angolo, pochi spiccioli raccolti che gli permettevano di sopravvivere e non morire di fame. Da alcuni mesi, però, Matthew se la sta passando davvero brutta: colpa di un’auto di lusso – la sua – che ha fatto arrabbiare molto gli abitanti del villaggio.

Alcuni passanti, infatti, avevano notato che il povero mendicante, una volta finita la sua giornata di “lavoro”, saliva su un’Audi del valore di circa 70 mila euro: un uomo, per smascherare l’impostore, lo ha addirittura filmato proprio mentre si infila nell’auto. Il video è stato successivamente condiviso su Facebook, diventando in poche ore virale.

Inutile dire che la rabbia dei cittadini si è manifestata immediatamente: Matthew, che si è dovuto rivolgere alla polizia, ha riferito agli agenti di essere stato vittima di furti, aggressioni verbali e minacce di morte. Quello che più lo spaventa, però, è il fatto di non ricevere più nessun aiuto economico dai cittadini. L’uomo, infatti, è davvero povero: la costosa automobile sarebbe un’eredità lasciata dalla nonna e Matthew la userebbe solo come alloggio e riparo dalle intemperie.

La polizia, per ora, sembra credere alla versione del mendicante: gli agenti hanno verificato che l’uomo ha ricevuto una consistente eredità, che però avrebbe sperperato in breve tempo. Intanto, i cittadini di Newquay hanno perso fiducia in quell’uomo gentile che chiedeva solo qualche moneta: non gli possono perdonare di essere proprietario di un’auto che costa quasi quanto un monolocale.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS