BERGOGLIO IN ARMENIA A GIUGNO, A SETTEMBRE VIAGGIO IN GEORGIA E AZERBAIGIAN Comunicate dalla Sala Stampa della Santa Sede le date delle due visite 24-26 giugno e 30 settembre-2 ottobre

817
bergoglio

“Accogliendo gli inviti di Sua Santità Karekin II, Supremo Patriarca e Catholicos di tutti gli Armeni, delle Autorità civili e della Chiesa Cattolica, Sua Santità Francesco si recherà in Armenia dal 24 al 26 giugno 2016. Allo stesso tempo, accogliendo gli inviti di Sua Santità e Beatitudine Ilia II, Catholicos Patriarca di tutta la Georgia, e delle Autorità civili e religiose della Georgia e dell’Azerbaigian, il Santo Padre completerà il Suo viaggio apostolico nel Caucaso, visitando questi due Paesi dal 30 settembre al 2 ottobre 2016″.

E’ la nota diffusa oggi dalla Sala Stampa della Santa Sede, con la quale si comunicano le date dell’annunciato Viaggio Apostolico di Bergoglio in Armenia, Arzebaigian e Georgia. Alla domanda se il Papa visiterà Nagorno-Karabakh, l’enclave armena in Azerbaigian contesa tra i due Paesi, oggetto di un conflitto fin dagli anni ’90, padre Lombardi ha risposto: “Io comunico solo che ci saranno i due viaggi, in Armenia e in Georgia e Azerbaigian. Al momento non c’è altro”.

Francesco, dunque, volerà presto nel paese che l’anno scorso ha commemorato il centenario del “Grande Male”, cioè lo sterminio perpetrato dall’Impero ottomano nei confronti degli armeni cristiani avvenuto nel 1915. In Armenia, secondo quanto anticipa “Il Sismografo”, oltre alla capitale Erevan, Bergoglio farà visita alla seconda città, Gumri, dove si recherà alla Cattedrale Cattolica Santa Madre di Dio, unica chiesa in servizio nel Paese durante il periodo sovietico. Un viaggio delicato, vista anche la situazione diplomatica della Santa Sede con la Turchia. Visitare l’Armenia era da tempo un grande desiderio del Papa, che ha atteso a realizzarlo per visitare prima la Turchia (nel novembre del 2014) e dopo aver evitato di compiere la sua visita proprio nel centenario dell’eccidio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS