PREMIO STREGA RAGAZZI: VINCONO SUSANNA TAMARO E CHIARA CARMINATI La Tamaro ha vinto nella categoria 6-10 con "Salta, Bart!", mentre la Carminati in quella 11-15 con "Fuori Fuoco"

535
premio strega

Due scrittrici, due donne, due storie pensate per i lettori più giovani: si è concluso con la premiazione di Susanna Tamaro e Chiara Carminati il Premio Strega ragazzi, con una cerimonia alla quale ha partecipato anche il ministro per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo, Dario Franceschini.

La Tamaro ha vinto nella categoria 6-10 anni, con “Salta, Bart!”, la storia di un bambino che vive in una società super tecnologica e la cui vita monotona e asettica viene sconvolta dall’incontro con una gallina, che ricorda molto Zoe, la gallina posseduta dalla stessa scrittrice: “sono contenta perché ho ricevuto pochi premi nella mia vita – ha affermato la Tamaro – dopo 27 anni di carriera e venti libri. Ho particolarmente a cuore le storie per bambini. L’Italia non è un paese per i bambini e i ragazzi e quindi sono molto contenta”.

Chiara Carminati ha invece trionfato nella categoria 11-15 anni, con una storia sulla grande guerra vista con gli occhi di una ragazzina di tredici anni. “Fuori fuoco” è frutto di anni di ricerche e studio: “la forza del mio libro – spiega la scrittrice – è il fatto che racconta tutte storie vere, realmente accadute a qualcuno. Sceglierle è stato difficile. Ho inserito anche tredici foto inventate, manipolate, fuori fuoco come dice il titolo, che diventano didascalie di una parte della narrazione”.

“La speranza è che il premio aiuti a formare dei lettori stabili, che uscendo dalla scuola non si dimentichino la lettura. I ragazzi leggono e sono molto più colti degli anziani” ha spiegato Tullio De Mauro, presidente del Comitato scientifico che ha scelto i vincitori del Premio Strega ragazzi. Della stessa opinione il ministro Dario Franceschini: “chi legge da bambino diventa un cittadino. Dietro ogni storia c’e’ un patrimonio di valori”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS