FRASI CHOC SULL’OLOCAUSTO, CONDANNATO JEAN MARIE LE PEN L'ex leader del Front NAtional dovrà pagare una multa di 30.000 euro per aver definito le camere a gas naziste un "dettaglio"

1117
jean marie le pen

Ancora guai in casa Le Pen. Infatti l’ex leader del Front National, Jean-Marie, è stato condannato a pagare una multa di 30.000 euro per aver definito le camere a gas naziste un “dettaglio” della Seconda Guerra Mondiale.

Il controverso politico d’Oltralpe, che aveva invocato l’immunità, è stato riconosciuto colpevole dal Tribunale di Parigi in base alla severa legislazione prevista per i reati di negazionismo. Le Pen era già stato condannato per lo stesso reato nel 1987 e poi ancora nel 2012, quando affermò che l’occupazione nazista della Francia “non era stata particolarmente disumana”.

L’anziano ex leader, espulso dal partito lo scorso anno dalla figlia Marine per le sue posizioni estreme, negli ultimi anni si è reso protagonista di altre affermazioni choc. Dopo aver detto che il virus Ebola poteva essere la soluzione al “problema immigrazione” dell’Europa, nel 2015 è invece stato assolto dall’accusa di incitamento all’odio per aver paragonato i musulmani francesi ai nazisti che occuparono la Francia durante la guerra.

Le frasi choc di Jean-Marie Le Pen sono state duramente criticate anche dalla figlia Marine, che gli è succeduta alla guida del Front National. Inoltre le controverse affermazioni avevano provocato la sospensione – poi annullata dalla magistratura – dal partito di Jean Marie Le Pen.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS