GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE 2016: SCONFIGGERE IL DIABETE SI PUÒ

678
diabete

Sconfiggere il diabete, è questo l’obiettivo e il tema della Giornata Mondiale della Salute 2016, un giorno dedicato alla prevenzione e alla cura instaurato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e celebrato ogni 7 aprile, proprio in occasione del compleanno dell’Oms.

Quest’anno, quindi, il focus sarà su una malattia che colpisce 350 milioni di persone in tutto il mondo e che, purtroppo, è in rapida crescita: si stima infatti che entro 2030 il diabete sarà la settima principale causa di morte a livello globale.

La parola chiave è prevenzione: gran parte dei casi di diabete, infatti, sono prevenibili con semplici interventi sugli stili di vita – come una dieta sana e una moderata attività fisica -, comportamenti quotidiani che hanno dimostrato di essere efficaci nel prevenire il diabete di tipo 2 o ritardarne l’insorgenza.

L’obiettivo dell’Oms è ambizioso: ridurre la mortalità prematura da malattie croniche non trasmissibili di un terzo entro il 2030, un vero e proprio piano d’azione nel quale sono coinvolti tutti, dai cittadini ai media, dai governi agli educatori. Il messaggio, però, è anche che il diabete, seppur terribile, è una malattia curabile e può essere controllata per evitare l’insorgenza di complicazioni, anche serie.

La Giornata Mondiale della Sanità cercherà di veicolare messaggi precisi, che spingano i singoli individui a una maggiore presa di coscienza: ogni persona può, nel suo piccolo, fare qualcosa per combattere il diabete. Purtroppo il diabete colpisce sempre più i giovani e i giovanissimi, per questo conoscere la malattia, fare una diagnosi veloce e prevenirne le complicanze devono essere le priorità: a giocare un ruolo fondamentale, a queto punto, anche le istituzioni come la scuola, che dovrebbero incentivare uno stile di vita più sano e regolare.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS