“NON MI SIEDO, DEVO MEDITARE”: FANATICO DELLO YOGA FA TORNARE INDIETRO L’AEREO

643
yoga

Lo yoga dovrebbe aiutare le persone a rilassarsi, ma in certi casi può peggiorare la situazione. Il pilota del volo United Airlines da Honolulu a Narita del 26 marzo scorso è stato costretto a tornare indietro pochi minuti poco il decollo perché uno dei passeggeri si rifiutava di sedere al proprio posto per meditare. Il 70 enne Hyongtae Pae – un contadino sud coreano in pensione – voleva fare la sua sessione di yoga durante il servizio del pasto: per questo, l’uomo si era messo in fondo all’aereo e aveva iniziato la sua sessione di yoga.

La situazione è degenerata quando la moglie e le hostess hanno cercato di far rimettere seduto Pae, che ha iniziato a urlare e a dimenarsi pur di non essere interrotto. L’uomo ha addirittura strattonato sua moglie, colpevole di essersi schierata dalla parte dell’equipaggio. Per sedare la rissa, sono intervenuti anche due soldati americani a bordo, uno dei quali è rimasto leggermente ferito a causa di un morso.

Al pilota non è rimasta altra scelta se non tornare indietro a Honolulu, dove Pae è stato arrestato e condotto in carcere: l’uomo non sarà rilasciato a breve perché – come riferito dall’avvocato Darren Ching – rappresenta un pericolo per la moglie e per gli altri. Il 70 enne avrebbe addirittura tentato il suicidio poche ore dopo essere stato portato nella sua cella.

Kevin Chang, il giudice incaricato del processo, ha fissato una cauzione di 25 mila dollari, una cifra che la moglie di Pae non ha a disposizione. La donna, ora, alloggia presso un hotel, ma il legale sta cercando una soluzione “a lungo termine”. L’uomo, infatti, non può essere rispedito in Corea del Sud perché, per ora, non è in grado di prendere un altro aereo.

La coppia era in viaggio alle Hawaii per festeggiare i 40 anni di matrimonio: Pae aveva iniziato da poco a dedicarsi allo yoga proprio per curare i suoi disturbi di ansia e gli attacchi di rabbia. L’uomo ha raccontato agli agenti che lo hanno preso in custodia che non dormiva da ben 11 giorni.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS