AMMINISTRATIVE, MELONI: “ROMA E’ UN MUSEO TRASFORMATO IN STALLA” La candidata sindaco di Fdi: "Sono in campo e intendo restarci". Attacco a Renzi e Alfano sulla data del voto: "Vogliono falsare le comunali"

465
meloni

“Sono in campo e lo sono fino alla fine e le prime due settimane ci rendono particolarmente ottimisti. Le cose vanno e vale la pena di giocarsi la partita”. Lo ha detto il candidato sindaco di Roma Giorgia Meloni intervenendo al Corriere.it. “Ho la speranza che si semplifichi il quadro anche perché la gente ce lo chiede” ha aggiunto la presidente di Fratelli d’Italia.

La prima cosa che il nuovo sindaco dovrà fare è lottare contro il degrado. “Roma è un museo trasformato in stalla – ha spiegato Meloni -. Per me la priorità è sistemare le strade e sono contenta che il prefetto Tronca abbia detto ciò che dicevo io e cioè che bisogna coinvolgere i privati per la manutenzione stradale”.

L’ex ministra si è detta favorevole alle Olimpiadi. “Penso che sarebbero utili alla Capitale – ha affermato – . Non mi piace chi dice che non si può fare perché c’è il rischio corruzione, in questo caso si è già sconfitti. Ciò che va eliminato non è il grande evento ma la corruzione”. Per organizzare i Giochi occorre partire “dalle opere che abbiamo già, come lo stadio Flaminio che è abbandonato; io partirei da questo ma accompagnando la realizzazione dell’evento con un’utilità per l’Italia”

Meloni ha, infine, definito una “vergogna” il fatto che ancora non si conosca la data del voto. “Alfano e Renzi stanno studiando a tavolino il modo migliore per tentare di falsare i risultati delle elezioni – ha detto -. Le elezioni amministrative fanno molta paura al Premier Renzi”. Il 5 giugno, secondo la candidata di Fdi, “è una data infame ed è una cosa da combattere ma se proprio il governo si impunta almeno si voti anche il lunedì mattina. Chiedo di farci sapere al più presto quando si vota così ci organizziamo”,

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS