SANZIONI CINESI ALLA COREA DEL NORD IN BASE ALLE RISOLUZIONI ONU La decisione di Pechino vieta gran parte delle importazioni di carbone, ferro, minerale di ferro, oro, titanio, vanadio e terre rare

689
corea del nord

Nuove restrizioni economiche in arrivo per la Corea del Nord. Infatti il ministero del commercio della Cina ha annunciato nella giornata di martedì che avrebbe imposto delle restrizioni alle importazioni di carbone dalla Corea del Nord e alle vendite di carburante per aerei, dopo le richieste della comunità internazionale di rafforzare la propria posizione contro il regime di Pyongyagn.

La decisione di Pechino vieta gran parte delle importazioni di carbone, ferro, minerale di ferro, oro, titanio, vanadio e terre rare. Tutte risorse, queste, che costituiscono una fonte chiave di guadagno per il Paese. Il ministero del Commercio cinese ha indicato che vi saranno eccezioni per materiali destinati a uso civile, a patto che non siano legati ai programmi nucleare o missilistico di Pyongyang.

Pechino ha inoltre vietato la vendita di carburante per aerei alla Corea del Nord, una decisione che potrebbe di fatto bloccare le attività della compagnia statale Air Koryo. La Cina è il principale partner commerciale della Corea del Nord e la sua cooperazione è essenziale per il successo delle sanzioni stabilite dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu il mese scorso.

Le ultime sanzioni dell’Onu, considerate le più severe degli ultimi venti anni, sono state applicate alla Corea del Nord in seguito all’escalation delle minacce fatte nei confronti del mondo e soprattutto nei confronti della vicina Corea del Sud. Infatti dallo scorso sei gennaio, il regime di Pyongyang ha effettuato una serie di test nucleari e lanci di prova, ufficialmente di satelliti, ma in realtà – secondo gli esperti – di missili balistici a lungo e corto raggio.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS