ISIS: IN UN VIDEO NUOVE MINACCE A PARIGI, BERLINO E ROMA Nelle immagini, una voce fuori campo intima alle "nazioni della Croce" di convertirsi all'Islam o di pagarne il prezzo

1024
minacce

“Combatteteli, Allah li punirà attraverso le vostre mani”. E’ il nuovo video di minacce che il sedicente Stato Islamico ha lanciato nella rete, mettendo ancora in atto quella che risulta essere la sua arma preferita: quella di diffondere il terrore. Questa volta le minacce dell’Isis sono rivolte contro il Regno Unito e Londra, ma anche verso altre capitali europee, tra cui Berlino e Roma.

Le immagini – che sono state pubblicate in un’edizione online speciale del tabaloid Daily Mail – si aprono con la Tour Eiffel, simbolo di Parigi e della Francia, che crolla. LA scena è tratta dalle immagini di un videogame “Call of Duty”. In questo nuovo video non si vede nessun rappresentante dell’organizzazione jihadista, ma una voce fuori campo che parla in inglese e si rivolge a quelle che sono state definite “le nazioni della Croce”, a cui viene intimato di “convertirsi all’Islam o pagare il prezzo”.

Il video, che è stato preso assai seriamente dall’antiterrorismo britannico, cita chiaramente le stragi di Parigi dello scorso 13 novembre e di Bruxelles dello scorso 22 marzo, definendole solo “un avvertimento” per quello che potrà accadere in futuro. Secondo l’Independent, il documento è stato realizzato a Raqqa da un gruppo che supporta molto da vicino il sedicente Stato islamico. Alcuni esperti di propaganda intervistati dallo stesso quotidiano hanno comunque sottolineato come l’apparato mediatico dell’Isis stia mostrando un certo cedimento, che si concretizza in toni meno virulenti, forse a causa della consapevolezza che questi messaggi non stanno avendo il successo sperato nel loro intento di proselitismo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS