PANAMA PAPERS, SI DIMETTE IL PREMIER DELL’ISLANDA L'opposizione del parlamento di Reykjavik aveva chiesto di votare una mozione di sfiducia nei confronti del primo ministro

564
panama papers

Il premier islandese Sigmundur Gunnlaugsson, travolto dallo scandalo dei Panama Papers, ha deciso di offrire le sue dimissioni. La notizia è rimbalzata sui principali media internazionali. La Bbc online scrive che “il primo ministro islandese si è dimesso sull’onda dello scandalo. E’ la prima ‘vittima’ dei Panama Papers”. L’attuale ministro dell’Agricoltura potrebbe prendere il suo posto, aggiunge la Bbc online.

Dopo due giorni di proteste da parte degli islandesi e una mozione di sfiducia chiesta dall’opposizione del Parlamento di Reykjavik, il primo ministro dell’isola aveva chiesto al Capo di Stato, Olafur Ragnar Grimsson, di sciogliere il parlamento per andare ad elezioni anticipate. Il presidente però ha rifiutato la richiesta chiendendo che venissero prima consultati gli altri partiti.

Solo nella giornata di lunedì, Sigmundur Gunnlaugsson, è stato travolto dalla bufera Panama Papers perché in possesso insieme con la moglie di una società offshore sulle isole Vergini con la quale avrebbe acquistato milioni in obbligazioni presso tre banche islandesi fallite durante la crisi finanziaria del 2008. Il premier è intervenuto ieri in Parlamento dichiarando che non intendeva dimettersi “per questa vicenda” e di non avere assets in paradisi fiscali.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS