ONU, HELEN CLARK SI CANDIDA COME SUCCESSORE DI BAN KI-MOON Il nuovo segretario si insedierà il prossimo 1 gennaio

515

L’ex premier neozelandese e attuale capo del  Programma per lo Sviluppo dell Nazioni Unite si è ufficialmente candidata per il suo Paese come successore di Ban Ki-moon, ossia per ricoprire il ruolo di segretario generale dell’Onu. Helen Clark ha guidato il governo della Nuova Zelanda per nove anni, e attualmente ricopre, da sette anni, uno degli incarichi di maggior rilievo all’interno dell’Onu. Ex professore universitario, 66 anni, Clark è tra i premier neozelandesi rimasti più a lungo in carica, per tre mandati dal 1999 al 2008. L’obiettivo della Clark – che ha messo sul piatto decenni di esperienza da leader e il fatto di essere la donna con l’incarico di più alto grado nell’organigramma dell’Onu – è quello di essere la prima donna a guidare l’organismo multinazionale.

La ricerca di un successore per Ban Ki-moon è iniziata in un momento particolarmente delicato, nel pieno della più grave crisi migratoria dalla Seconda guerra mondiale e dei conflitti in atto nel Medio Oriente e in Africa. “Mi propongo sulla base di una consolidata esperienza di leadership della durata di quasi tre decenni, sia in patria sia presso l’Onu” ha detto Clark in un’intervista ad Afp, dopo mesi di voci sulla sua candidatura. “Penso di avere l’esperienza e le caratteristiche per questo lavoro” ha aggiunto.

Lo stesso primo ministro neozelandese, John Key, in una conferenza stampa a Wellington ha annunciato formalmente la candidatura della Clark come segretario generale dell’Onu. “Dopo aver guidato il governo della nuova Zelanda per nove anni e aver coperto uno degli incarichi Onu di maggiori rilievo per sette anni – ha dichiarrato il primo ministro -, Helen Clark ha il giusto mix di capacità ed esperienza per il posto”

La prossima settimana l’Assemblea generale dell’Onu terrà audizioni pubbliche dei candidati per la prima volta nei settant’anni dell’istituzione. Oltre Clark i candidati sono sette, tra cui tre donne: tra i favoriti il capo dell’Unesco, la bulgara Irina Bokova, e l’ex Alto commissario per i rifugiati, il portoghese Antonio Guterres. Gli otto segretario generali dell’Onu fino a oggi sono stati tutti uomini. Dopo le audizioni della prossima settimana il Consiglio di sicurezza sceglierà il candidato vincente a luglio per sottoporlo alla ratifica dell’assemblea. Il nuovo segretario si insedierà il prossimo 1 gennaio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS