LA COREA DEL NORD ALL’ONU: “STOP ALLE SANZIONI E INIZIAMO UN NEGOZIATO” E' la prima volta quest'anno che la Pyongyang allude alla possibilità di un dialogo con Washington dopo settimane di minacce e provocazioni

533
corea del nord

Dopo aver messo in allerta tutto il mondo con i test nucleari e i lanci dei missili balistici nel Mar del Giappone, la Corea del Nord ha stupito tutto il mondo chiedendo agli Stati Uniti e ai suoi alleati di mettere da parte la politica delle sanzioni e iniziare un negoziato per alleviare la tensione nella penisola. “La disponibilità al negoziato è la soluzione migliore rispetto all’imprudente pressione militare e la cooperazione è un cammino più utile rispetto al tentativo di rovesciare il regime”, ha affermato un portavoce della Commissione nazionale di Difesa, citato dall’agenzia ufficiale Kcna. E’ la prima volta quest’anno che la Corea del Nord allude alla possibilità di un dialogo con Washington dopo settimane di minacce e provocazioni, ripetuti lanci di satelliti, che secondo la comunità internazionale sono invece test balistici.

L’escalation di tensioni nella penisola coreana è iniziato lo scorso 6 gennaio, quando la Corea del Nord ha testato una bomba nucleare. Neanche un mese dopo il regime nordcoreano ha effettuato un test di un satellite, ma per gli esperti si è trattato di un lancio di un missile a lungo raggio.

In seguito a questi episodi e alle minacce rivolte al mondo intero, l’Onu – insieme alla Cina, alleata storica di Pyongyang – hanno deciso di applicare delle sanzioni, le più rigide degli ultimi venti anni, in risposta alle sempre più pressanti provocazioni.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS